L'assessore al Bilancio Fabio Fiorillo
Politica

Le categorie bocciano la manovra di bilancio del Comune di Ancona

Confartigianato, Confesercenti, Confcommercio e Cna chiedono all’Amministrazione Comunale di rivedere il peso della tassazione sulle imprese del comune di Ancona, considerato troppo oneroso

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Confartigianato, Confesercenti, Confcommercio e Cna chiedono all’Amministrazione Comunale di rivedere il peso della tassazione sulle imprese del comune di Ancona, considerato troppo oneroso.

Dopo un confronto acceso con l’Assessore Fabio Fiorillo i rappresentanti delle Categorie economiche si esprimono con un unica voce e bocciano la proposta di ripartire i costi per le utenze non domestiche allo 0.59%, contro lo 0.41% per le utenze domestiche.

Ad avviso dei rappresentanti di categoria, l’amministrazione del capoluogo di regione, rispetto a quelle di molti altri comuni della provincia, ha determinato le tariffe penalizzando le imprese commerciali e artigianali del territorio.

Pur apprezzando l’apertura dell’Assessore al bilancio, disposto a raccogliere le osservazioni in modo da rivedere i parametri legati alle imposte di alcune tipologie di impresa, Confartigianato, Confesercenti, Cna e Confcommercio respingono e contestano il metodo con cui si è proceduto alla stesura del bilancio in assenza di concertazione.

La richiesta viene fatta da tutte e quattro le sigle associative della città dorica e si chiede pertanto all’Amministrazione di riequilibrare questa sproporzione e di rivedere le spese ed i costi della macchina pubblica, in un’ottica di una maggiore e più incisiva spending review, in modo da alleggerire il peso delle imposte che ricade sulle tasche delle imprese e cittadini.

Il calcolo delle tariffe è stato condotto attraverso uno studio approssimativo in zona Baraccola e per le segreterie di Confesercenti, Confartigianato, Cna e Confcommercio, risulta impossibile che i titolari delle imprese conferiscano la maggior parte dei rifiuti nella frazione indistinta, rispetto alle utenze domestiche.

Secondo le Categorie la fotografia presentata dalla pubblica amministrazione è lontana dalla realtà e ci si aspettava molto di più nella stesura di un bilancio di un capoluogo di regione, che sembra non tenere conto della difficoltà economico e finanziarie del mercato e che sembra riprendere la logica che ha contraddistinto la stesura dei bilanci degli anni precedenti.”

Cna
Confartigianato
Confesercenti
Confcommercio

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le categorie bocciano la manovra di bilancio del Comune di Ancona

AnconaToday è in caricamento