"Case dell'acqua" ad Ancona: approvata la mozione dei Verdi

L’iniziativa dei Verdi è in linea con quanto stabilito dalla Comunità Europea e dalla normativa nazionale e regionale sia in merito alla valorizzazione dell’acqua pubblica che alla riduzione della produzione dei rifiuti

Casetta dell'acqua (foto di repertorio)

ANCONA - Il consiglio comunale di Ancona ha approvato una mozione dei Verdi che impegna l'Amministrazione a realizzare le “case dell'acqua”, cioè distributori di acqua dall'acquedotto cittadino fornita sia naturale che gassata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L’acqua è un bene primario ed irrinunciabile per la salute dei cittadini - si legge in una nota dei Verdi - a cui tutti hanno diritto di accedere liberamente, rappresenta una ricchezza che va tutelata e valorizzata. Oggi la maggior parte delle famiglie acquista acqua confezionata in contenitori di plastica o di vetro, nella convinzione che sia di qualità superiore rispetto a quella del rubinetto, in realtà l’acqua del nostro acquedotto è pura e di alta qualità. Tale progetto assume anche la valenza di un percorso educativo sotto il profilo ecologico, diffondendo sul proprio territorio la cultura della valorizzazione del patrimonio naturale e delle acque, salvaguardando l’ambiente, in quanto i cittadini potranno riutilizzare i contenitori dell’acqua così da ridurre alla fonte gli imballaggi e diminuire i rifiuti plastici riconducibili alle bottiglie. Il testo approvato, quindi, invita Sindaco e Giunta a intraprendere una campagna informativa sull’utilizzo dell’acqua pubblica, che avrebbe il duplice vantaggio di ridurre in modo significativo la produzione di rifiuti da imballaggio e di far risparmiare alle famiglie anche il costo di acquisto dell’acqua in bottiglia, e a valutare la fattibilità di realizzare più punti di distribuzione dell’acqua naturale, gasata e refrigerata. Riteniamo opportuno che nell’attuazione di questa mozione si privilegi la gestione pubblica della fornitura di acqua potabile trattata, come accade in moltissimi Comuni italiani».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • Si schianta con un'auto, camper si ribalta: un ferito è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento