Case popolari, Lega Nord Ancona: «Proposta di facciata ed insufficiente»

Così Francesco Luciani, coordinatore della Lega Nord Ancona sulla proposta di Verdi e "Ancona 2020", di modificare gli indicatori per la compilazione delle graduatorie per l’assegnazione delle case popolari

Francesco Luciani

«Ora che si avvicinano le elezioni alcuni segmenti della sinistra si appropriano addirittura dei temi caratteristici della Lega. Tre consiglieri della maggioranza: due dei Verdi, uno della lista civica "Ancona 2020", propongono di modificare gli indicatori per la compilazione delle graduatorie per l’assegnazione delle case popolari introducendo l'obbligo da parte del richiedente di avere almeno 5 anni di residenza o lavoro». Così Francesco Luciani, coordinatore cittadino della Lega Nord Ancona.

«La Lega Nord Ancona ritiene questa proposta di facciata e insufficiente - continua Luciani - È nostra intenzione, appena arrivati al Governo cittadino, elevare i parametri per l'accesso alle graduatorie a 10 anni di residenza nel comune di Ancona ed almeno 15 anni di residenza in Italia, come già fatto in molte città del centro-nord Italia amministrate dalla Lega Nord, inoltre prevedendo anche l’obbligo di esibizione di un certificato, rilasciato da Ambasciate o Consolati, dove si certifichi di non possedere abitazioni nel Paese del cittadino extracomunitario richiedente una casa popolare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento