Lunedì, 2 Agosto 2021
Politica

Legge regionale sugli Oss, Carancini: «Disattesi e sviliti tutti gli obiettivi»

Il consigliere regionale: «Ancora una volta la maggioranza di Acquaroli chiude la porta a ogni forma di dialogo con l’opposizione, bocciando una serie di contributi migliorativi»

«Ancora una volta la maggioranza di Acquaroli chiude la porta a ogni forma di dialogo con l’opposizione, bocciando una serie di contributi migliorativi che il Partito Democratico aveva avanzato in sede di approvazione della legge regionale per l’istituzione dell’elenco degli operatori socio sanitari e degli enti accreditati per la formazione». A dirlo è il consigliere regionale del Partito Democratico Romano Carancini.

«Lo scopo dei sette emendamenti presentati - spiega Carancini - era arricchire e potenziare l’impianto generale della legge, che condividiamo e riteniamo importante. Non riusciamo a comprendere perché proposte assolutamente coerenti con gli obiettivi prefissati dal provvedimento approvato in commissione siano stati respinti, senza neppure affrontare una discussione nel merito. Si trattava, in larga parte, di integrare la legge con elementi di maggiore trasparenza a favore dei cittadini che andranno ad attingere dal nuovo elenco le prestazioni professionali di cui necessitano. Come? Rendendo per esempio espliciti i percorsi formativi degli stessi operatori, compresi gli eventuali aggiornamenti professionali; valorizzando l’impegno degli istituti superiori secondari che investono nella preparazione delle professioni socio sanitarie; rafforzando i sistemi di controllo sui corsi rispetto alle presenze e all’idoneità dei docenti. Tutti elementi che peraltro erano stati con posti con forza durante le audizioni in commissione dai soggetti interessati. Il risultato finale è una legge che disattende e svilisce i suoi stessi obiettivi».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legge regionale sugli Oss, Carancini: «Disattesi e sviliti tutti gli obiettivi»

AnconaToday è in caricamento