Il PD a Fabriano, Comi: “Nessuno può resistere al cambiamento”

Si avvicina alla conclusione il tour democratico del PD Marche e del proprio Gruppo consiliare per la campagna di resoconto e ascolto: presenti tutti i vertici regionali del PD Marche e tutto il PD fabrianese

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Si avvicina alla conclusione il tour democratico del PD Marche e del proprio Gruppo consiliare. La necessità di attenzione e la voglia di dire la propria dei cittadini è, però, ancora tanta. Come dimostrato anche dall’importante affluenza registrata ieri pomeriggio al Museo della Carta di Fabriano, per la tredicesima tappa della campagna di resoconto e ascolto “Insieme, verso il cambiamento”. Incontro a cui hanno preso parte tutti i vertici regionali del PD Marche e tutto il PD fabrianese.

Presenti il Segretario regionale del PD Marche, Francesco Comi, l’Assessore regionale al Lavoro e all’Istruzione, Marco Luchetti, l’Assessore regionale al Bilancio e alla Cultura, Pietro Marcolini, i Consiglieri regionali Enzo Giancarli e Gianluca Busilacchi. In platea, anche il Parlamentare Emanuele Lodolini, la Coordinatrice della Segreteria regionale del PD, Patrizia Casagrande Esposto, il Presidente dell’Assemblea regionale del PD, Stefano Stracci, la Tesoriera del PD Marche, Giorgia Sampaoli e il Portavoce della Segreteria regionale del PD, Daniele Salvi. Intervenuti anche la Segretaria provinciale del PD, Eliana Maiolini ed il Segretario del PD fabrianese, nonché Responsabile Organizzazione della Segreteria regionale del PD, Michele Crocetti. In prima fila, pure il sindaco di Fabriano, Giancarlo Sagramola e i suoi predecessori, gli ex-sindaci Roberto Sorci e Francesco Santini.

Un appuntamento, quello di Fabriano, da cui il Segretario Comi ha voluto ribadire alcuni concetti prioritari per il PD Marche. “Nessuno può resistere al cambiamento – ha esordito Comi – perché la politica è movimento. La politica è la coscienza o anche solo la speranza che stiamo camminando insieme. Tutti insieme verso la stessa meta”.

E l’unità del partito è il perno attorno a cui si è sviluppato l’intervento del Segretario. Un’unità fatta di più voci ed opinioni, in grado di aprirsi e di discutere internamente. “Il PD – ha sottolineato Comi – è un partito con una classe dirigente ampia, non un organo monocratico, in cui tutto si riduce alla figura del leader, nazionale o regionale. Noi siamo una squadra, tutti sono utili e nessuno è indispensabile”.

Tante anche le voci intervenute dalla platea, fatta di molti cittadini ed amministratori locali, oltre che di rappresentanti di altre forze politiche, come il M5S. Interventi che hanno messo in luce le priorità del territorio fabrianese. In primo piano, soprattutto, la richiesta di miglioramento dei collegamenti viari tra Fabriano e i principali centri della regione, quindi la realizzazione di infrastrutture, la crisi del settore edile e la grande ferita della disoccupazione. Attenzione puntata anche sulla necessità di nuove politiche del lavoro, più garanzie per i giovani e maggiori possibilità di ripresa e sviluppo per le imprese.

Gli Assessori e i Consiglieri regionali del PD intervenuti hanno quindi tracciato un quadro per il futuro che contempli un nuovo modello di sviluppo, incentrato su innovazione, sostenibilità e attenzione ai beni comuni e una nuova classe dirigente, con qualità, competenza e passione.

Ribadita nell’incontro dal Segretario Comi anche la road map del PD Marche per i prossimi mesi: settembre dedicato alla campagna di resoconto e ascolto e alla ricomposizione dell’unità del gruppo dirigente del partito; ottobre sarà il mese della costruzione della proposta programmatica e dell’alleanza; a novembre sarà la volta della candidatura a Presidente e della squadra di governo; a dicembre avvio della campagna elettorale o, se sarà necessario, realizzazione delle primarie.

Torna su
AnconaToday è in caricamento