menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gianluca Busilacchi

Gianluca Busilacchi

Aree naturali protette, Busilacchi: «Legge per unirle sotto un unico gestore»

Questa la proposta avanzata dal Consigliere regionale di Articolo 1 MDP, Gianluca Busilacchi, che ha presentato una apposita proposta di legge in Consiglio regionale

Unire le aree naturali protette delle Marche sotto un unico soggetto regionale. Questa la proposta avanzata dal Consigliere regionale di Articolo 1 MDP, Gianluca Busilacchi, che ha presentato una apposita proposta di legge in Consiglio regionale.

«Lo scopo di questa legge – afferma Busilacchi – rientra in un percorso di razionalizzazione e riorganizzazione dell’assetto gestionale e programmatorio dei parchi della regione, di riordino e semplificazione del sistema degli enti pubblici regionali, di riduzione degli oneri finanziari, gestionali e organizzativi. Tutto questo per consentire una gestione ispirata ai principi delle economicità della spesa e della valorizzazione delle aree naturali protette».

Questo nel solco di razionalizzazione che la Regione ha già avviato con la costituzione di un unico Ente per il diritto allo studio, con l’ASUR, le Camere di Commercio, ecc.
La proposta di legge affida alla Giunta regionale la definizione delle modalità di costituzione dell'Ente regionale di gestione delle aree naturali protette e le regole di subentro agli attuali enti di gestione. Entro sei mesi dall’approvazione della legge dovranno poi essere individuate le modalità di costituzione dell'Ente regionale di gestione delle aree naturali protette e di subentro agli attuali enti di gestione.

«Il nuovo ente unico che andremo a costituire – conclude Busilacchi – sarà anche lo strumento per realizzare e coordinare le politiche ambientali sul territorio semplificando la governance e razionalizzando l’utilizzo delle risorse assegnate, oggi frazionate, attraverso l’abolizione degli attuali organi che gestiscono le aree protette marchigiane per ottimizzare la spesa pubblica e puntare su una azione esclusiva di salvaguardia e valorizzazione delle bellezze naturali della nostra regione anche dal punto di vista turistico. Un gestore unico sarà in grado, infatti, di promuovere tutte le aree protette, accrescendo visibilità e attrattività per il loro insieme al di là del singolo territorio che il turista intende conoscere e visitare».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento