Emergenza Covid-19, Urbinati: «Presentata una mozione per avviare confronto sulla Bolkestein»

«Sono molte le incognite per la prossima stagione turistica e per questo mi sono impegnato a presentare una mozione per far fronte all’emergenza in cui sta versando questo settore» Così dichiara il consigliere regionale Fabio Urbinati

Fabio Urbinati

ANCONA - L’estate è alle porte e il settore turistico rischia di rimanere bloccato a causa dell’emergenza sanitaria che sta affrontando il nostro paese. Il turismo è uno dei settori con i maggiori danni economici. Tutta la filiera: dalla ricettività ai servizi di spiaggia è ferma. «Sono molte le incognite per la prossima stagione turistica e per questo mi sono impegnato a presentare una mozione per far fronte all’emergenza in cui sta versando questo settore» Così dichiara il consigliere regionale Fabio Urbinati, promotore della mozione "Una situazione dei titolari di concessioni demaniali marittime".

Nel testo presentato il 7 aprile 2020 si legge che l’assemblea legislativa delle Marche impegna il Presidente e la Giunta Regionale «A porre in essere ogni utile intervento presso il governo nazionale finalizzato a chiedere la riduzione del canone concessorio per la stagione 2020 nella misura del 50% fino a prevederne la sospensione totale qualora la stagione iniziasse dopo il primo luglio 2020, estendendo in questo caso tale sospensione anche al 2021; ad introdurre la riduzione dell'IVA per l’erogazione dei servizi turistici costieri e balneari dall'attuale 22% al 10%, provvedendo in tal modo ad un adeguamento rispetto agli altri servizi turistici e ad avviare un confronto con i servizi della Commissione europea volto ad ottenere un ripensamento della posizione assunta in merito all’applicazione della direttiva c.d. Bolkestein al settore delle concessioni demaniali marittime».

«Una serie di iniziative che porteranno - spiega Urbinati - a riaprire una discussione con l’Unione Europea dal momento che la pandemia condizionerà e cambierà il settore turistico per i prossimi anni. Come Italia Viva abbiamo proposto in Consiglio Regionale una revisione totale del bilancio di previsione approvato il 23 dicembre 2019. Ovviamente la rimodulazione del bilancio di previsione dovrà tener conto di un tessuto produttivo totalmente colpito dalla più grande emergenza sanitaria degli ultimi anni». Ma l’impegno del consigliere e dell’intero Consiglio non si limita alla tutela del settore turistico. «Stiamo già lavorando - afferma l’esponente di Italia Viva - per la tutela degli altri settori con provvedimenti immediati. La regione ha messo in campo più di 15milioni di euro.  Sono stati inoltre posticipate più di 180 milioni di tasse di imposte regionali, a partire dal bollo auto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • «Non faccio sesso da 2 anni», donna lo urla ed arrivano decine di persone

  • «Con quella mascherina nera non può votare»: avvocatessa respinta dal seggio

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento