menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco di Ancona Fiorello Gramillano

Il sindaco di Ancona Fiorello Gramillano

Bilancio: la maggioranza scricchiola, Gramillano cerca la quadratura

Gramillano dovrà convincere la maggioranza a votare un preventivo bocciato dai revisori. L'impresa non è facile e l'amministrazione potrebbe anche saltare. Ecco il piano dell'ex preside per evitare la crisi

Quello di oggi pomeriggio si annuncia come un vertice molto difficile per Fiorello Gramillano. Il primo cittadino dovrà infatti convincere la sua maggioranza a votare il preventivo del bilancio del 2012, dopo la sonora bocciatura ricevuta dal collegio dei revisori dei conti. In modo particolare, oggi si dovranno trovare 700mila euro di tagli nella speranza che dalla Regione e dalla Provincia arrivi 1 milione di euro per la chiusura del disavanzo del Teatro Stabile.

Per avere la misura della difficoltà del compito, basti pensare che – come riporta anche il Corriere Adriatico – da un lato la Regione Marche ha già approvato il suo bilancio senza nessuna copertura per lo Stabile, e dall’altro Gramillano – che in quanto sindaco è anche presidente della Fondazione del Teatro – sta meditando di mettere in sicurezza il proprio patrimonio familiare in un fondo, per proteggerlo da eventuali conseguenze del crack della struttura. Non proprio segnali rassicuranti, insomma, e si vede: il toto-assensi che in questi giorni rimbalza sulla stampa forse non sarà d’accordo sui nomi, ma certo è unanime del denunciare che la maggioranza di governo è tutt’altro che monolitica sulla prospettiva di approvare il documento.

L’ex preside punta al tutto per tutto: ottenere l’approvazione dei contabili su un maxiemendamento al bilancio. Se l’operazione si concluderà con successo la maggioranza potrebbe riunirsi già domani, in caso contrario il percorso potrebbe farsi talmente accidentato da concludersi con una crisi di maggioranza e conseguente commissariamento del Comune, per andare ad elezioni anticipate nel 2013. Prima del cupio dissolvi, comunque, la maggioranza cercherà di percorrere ogni strada possibile: rispunta dunque anche la possibilità di liquidare lo Stabile.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento