Gradini nella rampa per disabili, bocciata la mozione per rimuoverli: «Ottusità»

Cittadini in Comune in polemica con la maggioranza che ha bocciato una mozione per impegnare la giunta a rimuovere le barriere architettoniche

i gradini incriminati dai militanti di Fbc-Cic

Nella rampa per disabili che dal parcheggio in via Puglie, scende davanti alle vetrine del centro commerciale Le Ville di Palombina Vecchia, ci sono tre gradini che costituiscono una vera e propria barriera architettonica per chi si muove in carrozzina. Un ostacolo che, nonostante la sua oggettività, riesce a diventare terreno di battaglia per i gruppi in consiglio comunale. Nel corso dell'ultima seduta, una mozione di Falconara Bene Comune – Cittadini in Comune, presentata dalla consigliera Lara Polita, per impegnare la giunta a provvedere, è stata bocciata dalla maggioranza. Motivo? I consiglieri che reggono la giunta Brandoni avevano chiesto di inserire la dicitura "compatibilmente con le risorse comunali". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Gli uffici stavano già predisponendo un progetto ma non sapendone ancora il costo avevamo fatto questa richiesta alla consigliera di Fbc-Cic. Che è stata respinta» spiega Marco Giacanella, consigliera di Uniti per Falconara. Di qui la successiva bocciatura della mozione. «Ancora una volta – critica la Polita - se mai ce ne fosse bisogno, i consiglieri del sindaco Brandoni si sono distinti per un ostruzionismo ottuso e a prescindere, degno di navigati e tristi politicanti. Hanno motivato il loro voto contrario sostenendo che la mozione mancava di un riferimento alla sostenibilità dei costi per la realizzazione di 3 piccoli scivoli al posto di 3 gradini, quando ci si potrebbe avvalere delle maestranze comunali, a costo zero per l'Ente. Niente di più pretestuoso da parte dei consiglieri di maggioranza che fino a pochi giorni fa non sapevano neanche se l’area in questione fosse o meno di proprietà comunale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento