Energia da biomasse forestali, si riapre il bando: pronti quasi 4 milioni

Si riapre il bando della filiera per la produzione di energia da biomasse forestali con i fondi messi a disposizione grazie al Piano di sviluppo rurale

Mirco Carloni

Si riapre il bando della filiera per la produzione di energia da biomasse forestali con 3,9 milioni a disposizione grazie al Piano di sviluppo rurale.  E’ quanto prevede la delibera proposta dal vicepresidente e assessore all’Agricoltura Mirco Carloni e approvata ieri dalla giunta come concordato al tavolo politico strategico del 27 ottobre con le rappresentanze del settore.
«Abbiamo a disposizione risorse residue dai precedenti bandi 2019-2020 – spiega Carloni – e riteniamo quindi opportuno procedere con l’attivazione di un nuovo bando annualità 2021 a sostegno di nuovi progetti integrati. Beneficiari dei contribuiti sono le “filiere”, intese come raggruppamenti di imprenditori agricoli e forestali, loro associazioni e imprese (di lavorazione, trasformazione, commercializzazione del legno, quelle commerciali di prodotti legnosi, quelle di produzione e utilizzazione dell’energia prodotta). I vantaggi dell’aggregazione spaziano dalla certezza della vendita del legname alla stabilità dei prezzi; dalla valorizzazione delle produzioni forestali alla qualificazione ambientale del territorio (a seguito delle cure agronomiche e forestali necessarie per l’utilizzo economico dell’area boscata); dalla formazione degli addetti alla ricaduta occupazionale su tutto l’entroterra».

La divisione dei fondi

I 3,9 milioni sono così suddivisi:

  •  Formazione 50.000 euro
  •    Viabilità rurale e forestale 800.000 euro
  •   Aiuti all'avviamento di attività imprenditoriali per attività extra-agricole nelle zone rurali 400.000 euro
  •      Investimenti strutturali nelle PMI per lo sviluppo di attività non agricole. Azione 1 -Produzione di energia 1.100.000 euro
  •      Investimenti per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti forestali 850.000 euro
  •      Sostegno a progetti pilota e per lo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie 230.000 euro
  •      Costituzione di aggregazioni tra produttori di biomassa forestale 500.000 euro

Per quanto riguarda i criteri e le modalità attuative generali sulla base dei quali emanare il bando, restano fermi quelli già applicati per il bando annualità 2019 e per entrambe le scadenze dell’annualità 2020. Il soggetto richiedente i contributi di filiera del Psr deve quindi essere una associazione di qualsiasi natura giuridica, costituita da due o più soggetti dei quali almeno la metà rappresentata da produttori di biomassa forestale da alberi o boschi vegetanti nelle Marche. Deve garantire capacità amministrativa, indicando le figure professionali impiegate. Risultare iscritta all’anagrafe delle aziende agricole e, eventualmente, alla Camera di commercio delle Marche. Nell’ambito societario, il potere decisionale deve rimanere in capo agli imprenditori agricoli e forestali.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento