menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
il sindaco di Ancona, Valeria Mancinelli

il sindaco di Ancona, Valeria Mancinelli

Bando Periferie, furia Mancinelli: «Siamo stati scippati»

Dopo l'approvazione del Milleproroghe con l'emendamento contestato che blocca i fondi per Palombella e Archi il sindaco annuncia battaglia contro il governo

«Continueremo la battaglia e la mobilitazione finché i soldi non tornano a casa. Riconvocherò le associazioni, sindacati, associazioni di impresa tutti coloro che si erano mobilitati per dar conto in maniera dettagliata della situazione e per mettere in campo ulteriori iniziative da realizzare nella città di Ancona». È una Valeria Mancinelli agguerrita quella che si prepara a muoversi contro il Governo dopo l'approvazione del decreto Milleproroghe che ha bloccato i finanziamenti del Bando Periferie. Soldi che per Ancona significavano riqualificare i quartiere disastrati nell'area nord: Palombella, stazione, Archi. La Mancinelli ora promette «iniziative anche clamorose, ovviamente in raccordo con le altre città d'Italia e con l'Anci nazionale. Penso ad azioni particolarmente visibili. La parola data dal Presidente del Consiglio è stata, purtroppo, clamorosamente smentita. Ieri alla riunione della conferenza unificata che doveva fare il passo decisivo per dare attuazione alla parola data dal Presidente del Consiglio, il Governo si è rimangiato tutto. Continuo a voler sperare che si tratti di una battuta d'arresto dalla quale ci si possa riprendere ma questo ce lo diranno soltanto i fatti e non le opinioni». 

Il Comune di Ancona sinora ha speso 490mila euro per le progettazioni degli interventi ed è, si legge in una nota di Palazzo del Popolo «perfettamente in regola con quanto previsto dal cronoprogramma del contratto firmato con lo Stato ovvero consegna dei progetti esecutivi il 3 di agosto mentre a settembre era previsto l'avvio delle gare d'appalto. In gioco una somma complessiva che raggiunge i 12 milioni di euro, finanziati dallo Stato a fondo perduto, ai quali si sono aggiunti altri 4 milioni provenienti da Comune, Regione Marche ed Erap per un investimento totale che raggiunge circa i 17 milioni di euro».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rione Pinocchio, perché si chiama così? (La statua non c’entra)

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento