Aeroporto, bandi di collegamento. La Lega: «Un flop, Marche sempre più isolate»

E’ la triste constatazione del capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Sandro Zaffiri, dopo il nulla di fatto registrato nei giorni scorsi nella partita relativa ai bandi di collegamento tra aeroporto di Falconara e scali nazionali

Foto di repertorio

«Marche nel più completo isolamento dal resto d’Italia, ma stavolta il Covid non c’entra nulla». E’ la triste constatazione del capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Sandro Zaffiri, dopo il nulla di fatto registrato nei giorni scorsi nella partita
relativa ai bandi di collegamento tra aeroporto di Falconara e scali nazionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L’attesa fase 2, quella cioè dell’effettivo rilancio sul piano commerciale dell’aeroporto delle Marche si sta delineando, al contrario, come una terribile via crucis – rileva Zaffiri – Bandi estremamente complessi, lacunosi, tanto da difettare persino della versione multilingue, ed estremamente selettivi hanno prodotto il disinteresse di tutte le principali compagnie aeree che hanno sostanzialmente disertato tutti gli appuntamenti con l’apertura delle buste, fino all’ultimo relativo agli importanti collegamenti nazionali, Roma e Milano in testa. Ciò di per sé sarebbe sufficientemente grave da determinare la rimozione dei responsabili politici e amministrativi dell’operazione, se non fosse ancora aperta la partita dei collegamenti internazionali che, in anni certamente più floridi, rappresentavano una sorta di segno distintivo dello scalo marchigiano. Probabilmente un’ultima chance di sopravvivenza per l’aeroporto delle Marche e che per chi ancora ne determina i destini, ma, fin qui, rimane senza alcun dubbio il voto di grave insufficienza per la palese incapacità di gestirne il rilancio. Con questo scenario generale, anche in fatto di altre pesanti carenze infrastrutturali viarie e ferroviarie, fallire anche l’ultima chiamata farebbe piombare la comunità marchigiana nel più totale isolamento nazionale e internazionale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali, il nuovo presidente della Regione è Francesco Acquaroli - LA DIRETTA

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • «Non faccio sesso da 2 anni», donna lo urla ed arrivano decine di persone

  • «Con quella mascherina nera non può votare»: avvocatessa respinta dal seggio

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento