Università Europea – Azione Universitaria, Ancona: "Considerazioni sul corteo FIOM"

"Un forte sentimento ci spinge a ricordare che l’università è un luogo degli studenti e per gli studenti, con la speranza che in futuro le liti intestine scaturite tra partiti e sigle sindacali della stessa fazione rimangano tali"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

"I rappresentanti dell’associazione studentesca “Università Europea-Azione Universitaria”  denunciano con forza quanto accaduto nella giornata di ieri presso il cortile della Facoltà di Economia e Commercio dell’Università Politecnica delle Marche:

“Il sit-in di ieri, targato FIOM-CGIL, nulla aveva a che fare con la vita universitaria, trattandosi di uno sciopero indetto dai lavoratori Fincantieri e del cantiere navale Isa. L’unico scopo effettivo era quello di pubblicizzare la manifestazione che avrà luogo il 25 Ottobre a Roma, come testualmente comunicato anche nel sito ufficiale delle sigle sindacali sopra menzionate.
Quanto accaduto ci fa dolorosamente tornare alla mente quel tipico atteggiamento sessantottino, di chi forse dimentica che sta correndo l’anno 2014. Si tenta ancora, peccando di anacronismo, di entrare nell’Università e di sfruttare qualche studente a proprio uso e consumo, mascherando il tutto malamente dietro un fittizio dibattito con i cosiddetti - precari del futuro – (confronto che non è stato in alcun modo reso pubblico per mezzo dei canali informativi dell’UnivPM).
 Azione Universitaria-Università Europea vuole sottolineare che gli autorizzanti di tale manifestazione non avrebbero dovuto permettere che tale corteo organizzato entrasse nel cortile della Facoltà, producendo disagi e  disturbo a chi si è recato oggi a lezione o in biblioteca, con l’intento di studiare e svolgere il proprio lavoro.
Un forte sentimento ci spinge a ricordare che l’università è un luogo degli studenti e per gli studenti, con la speranza che in futuro le liti intestine scaturite tra partiti e sigle sindacali della stessa fazione rimangano tali. Pretendiamo pertanto di non essere sfruttati e strumentalizzati da chi persegue altri scopi.”

Università Europea – Azione Universitaria, Ancona
 

Torna su
AnconaToday è in caricamento