Autovelox, il Comune risponde a Lega e Ugl: «Quel tratto ha la più alta incidentalità»

Il Comune: «Scorretta l’informazione diffusa da Lega e Ugl, che hanno fornito dati parziali, nonostante si ergano a paladini della sicurezza»

FALCONARA - «Sono stati 19, nel corso del 2018, gli incidenti rilevati dalla sola polizia stradale nel tratto di Statale 16 nominato ‘Caffetteria’, compreso tra il chilometro 290 e il chilometro 295, nel quale ricade l’autovelox installato dal Comune di Falconara (situato al chilometro 290+390). Nei 19 incidenti in questione (cui se ne aggiunge uno rilevato dalla polizia locale) sono rimaste ferite 24 persone. I dati, illustrati il 9 ottobre durante una seduta dell’Osservatorio permanente sugli incidenti, evidenziano come il tratto di Statale 16 della ‘Caffetteria’ sia quello con la più alta incidentalità di tutta la provincia di Ancona, da Cesano a Loreto. Nel complesso sull’intero tratto di Statale 16 che attraversa il territorio di Falconara (dal chilometro 285 al chilometro 295) la Polstrada nel 2018 ha rilevato 25 incidenti (compresi i 19 della Caffetteria) e la polizia locale 11». Inizia così la nota del Comune di Falconara, che risponde alle accuse di Ugl e Lega sull'autovelox della discordia. 

«E’ quindi profondamente scorretto da parte di Lega Falconara e Ugl definire arbitrariamente il livello di incidentalità sulla base dei dati forniti da una forza di polizia, diversa dalla Polstrada: è quest’ultima che in genere interviene sulle strade statali. Una interpretazione così parziale non fa onore a chi si erge paladino della sicurezza e a chi per la sicurezza lavora. Quanto alla decisione di sospendere il funzionamento dell’autovelox, che è stata presa in autonomia dall’amministrazione comunale e non sulla scorta di minacce o diffide di chicchessia, non è stata subito comunicata per motivi di sicurezza, per non incentivare il superamento dei limiti di velocità. Il drastico calo del numero di sanzioni elevate dall’autovelox di Falconara, passate da 800 a meno di 200 al giorno, ha infatti dimostrato che il presidio della Caffetteria ha raggiunto l’obiettivo e che questo è il modo giusto di fare sicurezza. L’amministrazione comunale ribadisce che nessun ente o autorità ha dichiarato illegittimo l’autovelox del Comune di Falconara e che a fronte di quasi 20 mila sanzioni notificate, i ricorsi al giudice di pace pervenuti al Comune sono meno di cinquanta. Quanto ai vari pareri che circolerebbero tra associazioni e utenti, il Comune ribadisce di non averne ricevuto alcuno, né sono pervenuti formali rilievi da parte del Ministero competente. Si ricorda ancora che, in casi analoghi anche recenti, alcuni automobilisti che con eccessiva sicurezza avevano presentato ricorsi, si sono visti rigettare gli stessi con la condanna alle spese a favore del Comune anche per oltre mille euro. Pertanto l’invito è sempre quello di usare prudenza e di moderare la velocità non solo per evitare sanzioni, ma soprattutto per tutelare la propria salute e quella del prossimo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso anche nelle Marche: positivo al primo test in attesa di controprova

  • Coronavirus, Ceriscioli sta per blindare le Marche. Conte telefona: «Fermi tutti»

  • Coronavirus, Marche blindate: firmata l'ordinanza

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

  • I carabinieri: «Apra il cofano», lui: «C'è solo un po' di fumo». Arrestato con 5 kg di droga

  • Schianto terribile a Posatora, tenta di evitare un gatto e si ribalta: è grave

Torna su
AnconaToday è in caricamento