Autovelox, interviene il Comune: «Nessun ente o autorità lo ha dichiarato illegittimo»

A parlare è il Comune di Falconara, che con una nota ufficiale ha voluto far chiarezza sulla spinosa questione dell'autovelox sulla Variante alla Statale 16

L'autovelox

«Nessun ente o autorità ha dichiarato illegittimo l’autovelox installato dal Comune di Falconara lungo la Variante alla Statale 16. Eppure con cadenza ciclica sui media alcune forze politiche ripropongono pesanti critiche sull’utilizzo dell’impianto. Ogni volta vengono annunciate centinaia di ricorsi, sono proclamate sicure illegittimità, vengono contestate come palesi presunte violazioni di norme e di procedure. L’amministrazione comunale reputa opportuno, ancora una volta, fare chiarezza e stemperare l’animosità di chi innalza polveroni». A parlare è il Comune di Falconara, che con una nota ufficiale ha voluto far chiarezza sulla spinosa questione dell'autovelox sulla Variante alla Statale 16.

«Innanzitutto - si legge nella nota del Comune di Falconara - si ricordano le numerose preventive campagne di comunicazione che hanno preceduto l’attivazione del dispositivo, le necessarie autorizzazioni amministrative richieste e poi ottenute prima della messa in funzione, i numeri in forte discesa delle sanzioni  prima della sospensione dell’utilizzo, decisa dal Comune invia cautelativa. Peraltro, a fronte di quasi 20 mila sanzioni notificate, i ricorsi al giudice di pace pervenuti al Comune sono meno di cinquanta, oltre a una decina di atti rivolti alla Prefettura: il tutto pari allo 0,3 per cento della procedure formalizzate. Il Comune rappresenterà davanti a tutte le autorità la correttezza del proprio operato. Si ricorda che le questioni eccepite non sono di natura sostanziale ma solo di carattere formale, in un tratto dove l’impianto è ben visibile, la velocità non è mai superiore ai 70 chilometri orari e vi è una corretta, ripetuta e preventiva segnalazione. E’ infatti incontestabile che i limiti di velocità ci siano, siano bene in vista, siano stabiliti dall’autorità competente e vadano rispettati. Se poi alcuni automobilisti preferiscono spingere sull’acceleratore, mettendo a repentaglio la propria e l’altrui incolumità, è necessario porre un freno con presidi di controllo anche di natura sanzionatoria. Il drastico calo del numero di sanzioni elevate dall’autovelox di Falconara, passate da 800 a meno di 200 al giorno, dimostra che questo è il modo giusto di fare sicurezza. D’altronde, lo stesso verbale dell’Osservatorio permanente sugli incidenti stradali annota che la velocità è la prima causa di sinistrosità nelle nostre strade, che la maggiore vulnerabilità è quella rappresentata dagli ‘utenti deboli’ quali conducenti di ciclomotori, motocicli e ciclisti, per poi concludere che «l’utilizzo degli autovelox si è dimostrato un buon deterrente per la riduzione degli incidenti causati da un eccesso di velocità».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Quanto ai vari pareri che circolerebbero tra associazioni e utenti - conclude la nota -  il Comune non ne ha ricevuto alcuno, né sono pervenuti formali rilievi da parte del Ministero competente. Preme infine ricordare che, in casi analoghi anche recenti, alcuni automobilisti che con eccessiva sicurezza avevano presentato ricorsi, si sono visti rigettare gli stessi con la condanna alle spese a favore del Comune anche per oltre mille euro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un colpo mortale a Fiorella e 4 fendenti al marito: il killer aveva già provato ad entrare

  • Parcheggia lo scooter e si lancia sotto il treno: tragedia sui binari

  • Choc in spiaggia, prende a pugni una donna e scappa: nella fuga perde i documenti

  • Schianto sulla strada per Portonovo, auto contro scooter: grave una donna

  • Il killer della porta accanto piantonato in ospedale, aggredì anche un uomo a sprangate

  • Entra in casa di una coppia di anziani, prima ammazza lei e poi si scaglia contro il marito

Torna su
AnconaToday è in caricamento