Falconara: associazioni e comitati chiedono all’Api un tavolo aperto

Associazioni ambientaliste e comitati cittadini propongono un tavolo di confronto con la dirigenza della raffineria, per rilanciare il ruolo dell'impianto industriale in una nuova ottica. Ecco cosa scrivono

Associazioni ambientaliste e comitati cittadini propongono un tavolo di confronto con la dirigenza della raffineria API di Falconara, per rilanciare il ruolo dell’impianto industriale in una nuova ottica. Ecco cosa scrivono:

“Nel corso del 2011 tanti cittadini, sindaci e categorie del territorio hanno espresso una posizione di contrarietà al rigassificatore API perché convinti che quel tipo di approccio fosse pericoloso e avrebbe finito per portare, presto o tardi, alla situazione attuale. Soprattutto si trattava e si tratta di un progetto che oltre a non portare occupazione, espone l’habitat naturale e la comunità locale a rischi notevoli”.

La scelta dell’azienda di sospendere per un anno la raffinazione – proseguono le associazioni – “conferma quanto affermato in questi ultimi anni dal circuito associativo sociale e ambientale: gli impianti di raffinazione sono destinati sempre più ad un netto ridimensionamento. E’ la dimostrazione di un modello energetico ormai al tramonto”.
Quello che si auspica, dunque, è la creazione di “un tavolo di confronto più ampio che tenga conto delle esigenze dell'intero territorio dichiarato Area a Elevato Rischio di Crisi Ambientale (AERCA) e dei cittadini che vi vivono e vi lavorano, prendendo in considerazione ipotesi diverse di sviluppo”.

“Riteniamo che il gruppo API nel suo insieme abbia le competenze per continuare a svolgere un ruolo importante nel tessuto produttivo locale e regionale, ma all'interno di un percorso realmente condiviso con il territorio, l'unico probabilmente capace di garantire gli attuali livelli occupazionali per i prossimi 10-15 anni e capace di evitare ulteriori casi Montedison.
Nell'ambito dell'attuale Piano Energetico Ambientale Regionale segnaliamo, ad esempio da tempo e purtroppo invano, l'esistenza di settori quali le fonti rinnovabili ed il risparmio energetico come possibili opportunità di lavoro per il Gruppo API”.

Le associazioni sottoscriventi, rappresentanti di tanti cittadini e di tanta parte di realtà sociale, ritengono sia d’interesse pubblico (lavoratori e cittadini) convergere sui seguenti obiettivi:

1. approvazione di un piano di risanamento pluriennale del territorio AERCA che preveda da subito l’impiego delle maestranze dell’API a rischio cassa integrazione;

2. riconversione del sito industriale a polo tecnologicamente avanzato sfruttando le sinergie con altre aziende marchigiane orientate alla ricerca, allo sviluppo, alla innovazione nel settore delle rinnovabili.

APPELLO AI LAVORATORI. “Invitiamo i lavoratori tutti dell’API (diretti e dell’indotto), le rappresentanze sindacali e la RSU a non lasciarsi incantare o ricattare e a inaugurare, invece, nel rispetto dell'autonomia della propria lotta sindacale anche degli spazi di discussione che abbattano il vecchio e dannoso muro d’incomunicabilità con l’esterno.
Sarà necessario, per il bene comune, orientarsi verso una prospettiva diversa, servirà farlo insieme e al più presto, perché la crisi impone nuove soluzioni”.

LE ASSOCIAZIONI FIRMATARIE. Ambasciata dei Diritti, Circolo “Il Pungitopo”, Comitato Mare Libero, Comitato Mezzavalle Libera, Comitato di Quartiere Villanova, CSA Kontatto Falconara, Falkatraz Onlus, Forum Paesaggio Marche, Italia Nostra Onlus Ancona, Italia Nostra Onlus Marche, Legambiente Marche, Lupus in Fabula, Ondaverde Onlus, Terra Mater, WWF Marche



 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento