Giovedì, 17 Giugno 2021
L'assemblea
Politica

Falconara, assemblea pubblica del comitato "Mal'Aria": "Ancora nessun dato sull'inquinamento"

L'assemblea pubblica ha posto ancora l'attenzione su inquinamento, carenza di controlli e assenza delle istituzioni

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Venerdì 23 ottobre, organizzata dal comitato “Mal’aria” presso l’Auditorium Marini di Falconara, si è svolta un’assemblea pubblica informativa che ha visto una nutrita partecipazione.

All’ordine del giorno diverse criticità, tra cui:
• Si protrae ancora lo stato di funzionamento “a singhiozzo” delle centraline di rilevamento di agenti inquinanti presenti nel territorio falconarese (soprattutto in merito al monitoraggio del benzene). A fronte di uno scientificamente accertato aumento di rischio di ammalarsi di alcune neoplasie si continua a tollerare un disservizio nei controlli (ARPAM) a cui corrisponde una percezione di sottovalutazione del problema salute a Falconara Marittima.

• In occasione delle esalazioni diffusesi sull’intera città a causa dell’incendio della ditta Casali, rispetto al quale ARPAM e ASUR hanno tranquillizzato la popolazione, di fatto:
- la centralina di Falconara Alta non ha fornito alcun dato per Benzene e PM10;
- non sono stati effettuali rilevamenti della qualità dell’aria né a Falconara Centro, né a Palombina Vecchia, né a Castelferretti: o dove sono stati rilevati dati sulla qualità dell’aria, non sono stati cercati e misurati il Monossido di carbonio (CO), i metalli pesanti, i composti organici clorurati (Diossine/PoliCloroBifenili), inquinanti che si possono sprigionare dalla combustione di una notevole quantità di membrane impermeabilizzanti di bitume distillato polimero (quale quello lavorato e stoccato alla Casali S.r.l.).

• Non è stato ancora individuato il responsabile dello sversamento inquinante dello scorso luglio nel fosso San Sebastiano a Castelferretti, nonostante la dettagliata documentazione fotografica messa a disposizione dell'Amministrazione Comunale redatta dall’Associazione L’Ondaverde Onlus.

• La mortalità ed i ricoveri per leucemie e linfomi dei residenti di Falconara presentano negli anni eccessi rispetto alla media regionale.

• La Regione Marche non ha ancora trasmesso al Comune di Falconara i dati relativi a mortalità e ricoveri degli ultimi 5 anni.

Invitati i rappresentanti di ARPAM ed amministrazione comunale, erano presenti solo tre consiglieri dell’opposizione ed il presidente del consiglio comunale, il quale ha fornito risposte vaghe ed inconsistenti su come si sia mossa l’amministrazione per salvaguardare la salute dei propri cittadini. Per quanto riguarda l’assenza dell’ARPAM una disposizione del Direttore Generale impedirebbe una partecipazione diretta ad incontri informativi analoghi a quelli organizzati dal nostro Comitato, mentre Sindaco e Assessore con delega all’ambiente al Comune di Falconara non hanno fornito alcuna giustificazione per la loro assenza. Al termine della serata è emersa la precisa e forte volontà di poter illustrare i contenuti dell’assemblea nell’audizione in Regione ufficialmente richiesta e attualmente in attesa di risposta da parte dei Presidenti delle Commissioni Ambiente e Salute. Inoltre i partecipanti all’assemblea hanno sottoscritto una richiesta di un incontro con tutti i Deputati e Senatori eletti nelle Marche per sollecitare interventi e azioni volte alla soluzione delle problematiche ambientali e sanitarie dibattute dai cittadini.

Gli organizzatori - Comitato Mal'Aria Falconara Castelferretti

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falconara, assemblea pubblica del comitato "Mal'Aria": "Ancora nessun dato sull'inquinamento"

AnconaToday è in caricamento