Mercoledì, 23 Giugno 2021
Politica

Buche nelle strade, Mancinelli: "Asfalto a strisce per mancanza di fondi"

"Per i lavori di manutenzione in tutta la città c'erano solo 80mila euro, mentre per fare tutto servono 5 milioni di euro". Degrado: progetto anche con ex detenuti e detenutia fine pena per riverniciare le panchine

«L'asfalto è a strisce per mancanza di fondi» esordisce così il sindaco Mancinelli in risposta ai lavori di asfaltatura solo in alcuni punti della strada e non in tutta la carreggiata. «C'è una programmazione di interventi del prima e del dopo. Abbiamo fatto un report dei lavori fatti da settembre al primo marzo in cui vengono individuati i recuperi fatti in alcune zone degradate come via Orsini, il Pincio e largo Belvedere di Capodimonte- spiega l'assessore alle Manutenzioni Stefano Foresi-. Con i fondi che abbiamo nel magazzino comunale abbiamo programmato interventi contro il degrado come per esempio tutta la mura che parte da via Veneto e arriva a via Rodi. Abbiamo sistemato i pilastri rotti e i corrimano, riverniciato tutto. C'è poi l'intervento immediato della buca subito e gli interventi con i fondi della manutenzione ordinaria per quanto riguarda strade e vie particolarmente degradate. Abbiamo fatto  tutto questo con una documentazione fotografica che testimonia come sono via De Gasperi, via Circonvallazione, Corso Stamira e l'asse nord/sud. Le strade sono asfaltate a tratti perché i fondi erano quel che erano. Sono 4 determine da 20mila euro più la segnaletica orizzontale adeguata».

 

Altra scelta per la priorità degli interventi è stata la presenza di scuole lungo la strada rovinata e il passaggio dei mezzi di trasporto pubblico nelle strade più trafficate.

«Abbiamo fatto anche uno studio sul degrado delle panchine, sono 260 dal Viale a Corso Carlo Alberto. Con l' assessore Capogrossi mettiamo in piedi un progetto per far riverniciare le panchine agli ex detenuti o detenuti a fine pena» riferisce Foresi.

«Per la manutenzione avevamo solo 80  mila euro per tutta la città. Appena approvato il bilancio avremo 1 milione e mezzo per fare un primo stralcio, perché per fare tutto ci vogliono 5 milioni di euro» precisa il sindaco. Tra maggio e giugno partiranno i lavori di via Rodi e quelli che sistemare i giunti dell'asse nord/sud più rovinati.

Per quanto riguarda invece gli immobili comunali, dopo il censimento si sta lavorando per fare una loro mappatura e deciderne il possibile utilizzo, ovvero quello a cui l'immobile può essere idoneo.
«C'è un confronto a 360° con  Provicnia, Regione e Asur per vedere quali sono le reciproche disponibilità ed esigenze» conclude la Maninelli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buche nelle strade, Mancinelli: "Asfalto a strisce per mancanza di fondi"

AnconaToday è in caricamento