Politica

Natale 2019, gli auguri del Garante insieme a studenti e detenuti

Doppio appuntamento previsto in calendario per il 23 dicembre. Andrea Nobili parteciperà all’assemblea generale del liceo classico “Rinaldini” di Ancona

Una giornata insieme a studenti e detenuti. E’ la scelta del Garante dei diritti, Andrea Nobili, per gli auguri di Natale e fine anno. Nel primo caso l’invito, in calendario per il 23 dicembre, è stato formulato direttamente dai ragazzi del liceo classico “Rinaldini” di Ancona che, dopo l’incontro delle settimane scorse, hanno deciso di ospitare nuovamente il Garante nell’ambito di un’assemblea generale dedicata a diritti dei detenuti, valore educativo della struttura detentiva, pena di morte e dettato costituzionale.

E nella stessa giornata il Garante parteciperà ad un’iniziativa della Caritas di Senigallia pranzando con i detenuti dell’istituto penitenziario di Montacuto. «Due momenti significativi – sottolinea Nobili – che chiudono un anno d’intensa attività per l’Autorità di garanzia, che ha cercato di avvicinare il mondo dei giovani attraverso incontri nelle scuole e nelle comunità, alla scoperta di problemi, esigenze e sogni per il futuro. Una strada che continueremo a percorrere anche avvalendoci di nuovi strumenti che abbiamo creato con la collaborazione di altri soggetti istituzionali e non, come l’Osservatorio sul disagio adolescenziale e giovanile. O come il Codice etico per i locali d’intrattenimento a salvaguardia della sicurezza dei nostri ragazzi, confermando il loro diritto al divertimento».

E sul fronte della realtà carceraria, Nobili non manca di ricordare la costante opera di monitoraggio e l’avvio di numerose attività trattamentali. “Ovviamente – evidenzia – non possiamo disconoscere le criticità presenti, come la ormai cronica carenza di personale e le nuove emergenze di tipo sanitario. Un quadro complessivo che nelle prossime settimane andremo ad illustrare nel dettaglio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Natale 2019, gli auguri del Garante insieme a studenti e detenuti

AnconaToday è in caricamento