Sciopero giornalisti E'tv, solidarietà della Giunta regionale

La Regione ha confermato di voler salvaguardare l’occupazione e continuare a garantire il pluralismo dell’informazione

La redazione di E'tv

La Giunta regionale delle Marche ha espresso solidarietà ai giornalisti e ai dipendenti di èTV Marche, che da tempo continuano a garantire il diritto all’informazione nonostante la situazione di crisi che coinvolge la loro emittente e che li ha già penalizzati pesantemente con il ritardo nella erogazione degli stipendi. La Regione ha confermato la propria disponibilità, già dichiarata alcuni mesi fa a una rappresentanza dei dipendenti dell’emittente televisiva, a mettere in campo tutti gli strumenti tecnici di propria competenza per salvaguardare l’occupazione e continuare a garantire il pluralismo dell’informazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento