Ancona Bene Comune: “Disobbediamo all’Articolo 5 del Piano Casa”

“Invitiamo i comuni a contrastare questo provvedimento e presto cominceremo nei consigli comunali di tutta Italia a svolgere azioni politiche per neutralizzare questa norma”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

"Disobbedire all’Articolo 5 del Piano Casa è un dovere di ogni Sindaco e Consiglio comunale, in quanto la norma è in palese contrasto con quanto scritto e previsto nella Costituzione.   
A partire da questo elementare principio la Rete delle Città in Comune lancia una campagna e un appello a tutti gli amministratori locali affinché si rifiutino di applicare un provvedimento per il quale: «Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l’allacciamento a pubblici servizi in relazione all’immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge».   

Le liste anti-austerity di Bari, Messina, Pisa, Roma, Ancona, L’Aquila, Brescia, Brindisi, Imperia, Firenze, Feltre, Ciampino si rifiutano di applicare l’Articolo 5.
L’iscrizione all’anagrafe della popolazione residente  è un diritto dell’individuo, perché da esso deriva la possibilità di accedere ad una serie di diritti fondamentali: in primo luogo l’accesso al sistema sanitario nazionale, all’istruzione pubblica, all’iscrizione nelle liste elettorali e quindi il diritto di voto e, ancora, la possibilità di accedere alla graduatoria per le case popolari.  
Insomma, l’esclusione di disoccupati e precari, di disabili e studenti che per avere una casa occupano uno stabile abbandonato significa negazione della cittadinanza a causa delle condizioni economiche e di vita è un comportamento illegittimo, adottato in violazione dei basilari principi della convivenza civile e della Carta costituzionale.  Per queste ragioni la Rete della Città in Comune disobbedirà all’articolo 5.

Invitiamo i comuni a contrastare questo provvedimento e presto cominceremo nei consigli comunali di tutta Italia a svolgere azioni politiche per neutralizzare questa norma."  

Rete delle Città in Comune: Ancona Bene Comune – Appello per L’Aquila – Brescia Solidale e Libertaria per i Beni Comuni - Brindisi Bene Comune – Convochiamociperbari Bari – Città in Comune (Ciampino) - Cittadinanza e Partecipazione (Feltre) - PerUnaltracittà (Firenze) - Gioiosa Ionica bene comune - Gruppo Consiliare Imperia Bene Comune – Cambiamo Messina dal basso - Una città in comune (Pisa)-  Repubblicana Romana – Sinistra per Roma.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento