Anci Marche a colloquio con i parlamentari marchigiani: «Sosteneteci sui temi che proponiamo»

Ai deputati e senatori è stato chiesto di adoperarsi affinché il Parlamento adotti con lo strumento dell'emendamento da inserire nel Decreto Agosto, le modifiche normative richieste

Presidente Anci Valeria Mancinelli

ANCONA – Si è tenuto in video conferenza l'incontro tra Anci Marche e i parlamentari eletti nelle Marche. La Presidente di Anci Marche Valeria Mancinelli ha chiesto agli onorevoli Roberto Rossini, Martina Parisse, Tullio Patassini, Andrea Cecconi, il Sen. Francesco Verducci, la senatrice Rossella Accoto che hanno raccolto l'invito, l'impegno su due tematiche che riguardano il Sisma 2016 e il Recovery Fund.

Ai deputati e senatori è stato chiesto di adoperarsi affinché il Parlamento adotti con lo strumento dell'emendamento da inserire nel Decreto Agosto, le modifiche normative richieste, condivise e approvate all'unanimità da tutti i Comuni, le Anci regionali, le Amministrazioni Regionali delle 4 Regioni colpite dal Sisma 2016, dal commissario Legnini e presentate al premier Giuseppe Conte nel corso dell'incontro della scorsa settimana a Roma. Uno dei temi più importanti è quello della stabilizzazione del personale così come il riassetto della zona franca urbana.

«Abbiamo chiesto ai parlamentari – ha detto la presidente Mancinelli che è anche coordinatrice delle Anci regionali colpite dal sisma 2016 - il loro impegno per sostenerci nella presentazione degli emendamenti così come sono stati formulati grazie al lavoro congiunto dell’Anci e della struttura commissariale, e che contengono le richieste di cui abbiamo discusso». L'altro tema è sostenere la proposta del presidente Antonio Decaro di destinare ai Comuni circa il 10% dei fondi del Recovery Fund, per cui si sta costruendo il piano d’azione per il rilancio economico del Paese. Si tratta di un orientamento fortemente condiviso a livello nazionale e regionale per cui almeno una parte significativa dei fondi siano destinati alla rigenerazione urbana che incrocia vari assi di intervento a partire dalla difesa del suolo, la digitalizzazione, il sistema dei trasporti e infrastrutture che impattano con l’ambito urbano dei comuni e che, anche in questo caso, sono condivise tra tutti i sindaci aldilà dell’appartenenza politica».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre (Natale) e Dl spostamenti, cosa cambia nelle Marche: le modifiche

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Marche zona gialla o zona arancione? Acquaroli fa chiarezza

  • LE MARCHE TORNANO ZONA GIALLA

  • Emergenza Covid, Acquaroli preoccupato: «Rischiamo crisi economica impressionante»

Torna su
AnconaToday è in caricamento