rotate-mobile
Politica Jesi

«A Valencia o da un’altra parte cambia poco. L’incompetenza di Acquaroli e Bacci ha fatto sfumare un investimento strategico»

Così il consigliere regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi replica al capogruppo regionale di Fratelli d’Italia Carlo Ciccioli sul caos scatenatosi in commissione dopo l'audizione del presidente dell’Interporto Massimo Stronati

ANCONA – «Carlo Ciccioli deve imparare che quando si sbaglia si alza la mano e si chiede scusa. Anche perché il polverone che ieri ha tentato di sollevare, non servirà a nascondere le cristalline parole del presidente dell’Interporto Stronati sul dirottamento altrove dell’hub logistico pensato da Amazon per Jesi». Così il consigliere regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi replica al capogruppo regionale di Fratelli d’Italia Carlo Ciccioli sul caos scatenatosi in commissione dopo l'audizione del presidente dell’Interporto Massimo Stronati. Ciccioli nelle scorse ore ha affermato che l'interesse della multinazionale per il polo di Jesi è rimasto immutato, smentendo le parole del presidente di Interporto Stronati

«Sarebbe bene, invece, che Ciccioli, insieme al presidente Acquaroli, che dichiara ancora di non aver capito cosa è successo, al sindaco Bacci e all’intero centrodestra marchigiano facessero un bagno di umiltà e iniziassero a lavorare per un nuovo progetto che, seppur ridimensionato, sarebbe comunque utile per recuperare posti di lavoro e offrire alle nostre imprese un progetto logistico adeguato alle loro esigenze. Magari, questa volta, coinvolgendo non solo l’opposizione, ma anche il tessuto economico sociale locale, che aiuterebbe non poco a colmare le vistose lacune evidenziate dalla Regione Marche e dal Comune di Jesi. Tra l’altro - aggiungono i dem - in questo momento non ha alcuna rilevanza sapere se questo investimento milionario di Amazon sarà realizzato a Valencia, come detto in audizione da Stronati, o altrove. Il vero dramma per la nostra regione, come ha testualmente dichiarato lo stesso presidente dell’Interporto, è che Jesi e le Marche hanno visto andare in fumo un’opportunità storica perché la Regione Marche e il Comune di Jesi hanno perso tempo prezioso. Il disastro compiuto da queste due amministrazioni è tanto più grave se si considera che a già a dicembre, con un’interrogazione a prima firma del consigliere Cesetti, avevamo richiamato l’attenzione sulla preoccupante dilatazione dei tempi della negoziazione tra Interporto e Scannell. Dilatazione che faceva preludere all’interruzione del rapporto tra Amazon e le istituzioni locali».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«A Valencia o da un’altra parte cambia poco. L’incompetenza di Acquaroli e Bacci ha fatto sfumare un investimento strategico»

AnconaToday è in caricamento