Politica Osimo Stazione

I residenti lanciano l'allarme: «Ecco perché temiamo una nuova alluvione»

Un grido d'allarme levato dal gruppo consiliare per evitare, finché si è in tempo, le conseguenze di una nuova eventuale alluvione

Foto di repertorio

«Dopo l’annuncio della Regione Marche dell’inizio dei lavori delle vasche di espansione a Scaricalasino ora è il momento che anche il Comune faccia la sua parte, ovvero comprendere nel programma delle opere pubbliche almeno 2 milioni di euro per interventi urgenti e necessari sulla messa in sicurezza idraulica di Osimo stazione». Lo scrive in una nota Monica Bordoni (Liste civiche Osimo).

Il suo è un vero e proprio grido d'allarme. «Occorre procedere quanto prima con una ricognizione ed adeguamento dell’impianto fognario con le nuove esigenze della frazione- continua la nota- per noi delle Liste Civiche è un importantissimo obiettivo da raggiungere non più procrastinabile. Nell’ultimo consiglio di quartiere il Sindaco ha annunciato di aver affidato uno studio delle caditoie all’ingegner Zoppi, ma ad oggi non ci risulta che lo stesso professionista abbia avuto alcun incarico formale. Non c’è tempo da perdere, questa amministrazione con sollecitudine deve investire sul territorio di Osimo stazione per la messa in sicurezza idraulica affinché gli interventi possano essere cantierabili quanto prima. I cittadini della frazione soprattutto quelli residenti lungo la ss16 , vivono ogni giorno l’angoscia di una possibile alluvione , tanto che alcuni non lasciano mai le loro abitazioni perché in caso di pioggia improvvisa, devono subito mettere le paratie per evitare quello che da troppo tempo subiscono ovvero gli allagamenti in casa, con tutti i danni alle cose e morali che ne conseguono. Nel frattempo l’appello accorato è la pulizia ordinaria e periodica delle caditoie».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I residenti lanciano l'allarme: «Ecco perché temiamo una nuova alluvione»

AnconaToday è in caricamento