Giovedì, 23 Settembre 2021
Politica

Aborto, Simona Lupini (M5S): «Subito una legge sui consultori»

La pentastellata attacca: «Due mesi in cui si è urlato tanto, ma con esattamente zero provvedimenti in favore della salute delle donne e delle famiglie fragili»

Sulla questione aborto Simona Lupini del Movimento 5 stelle attacca: «Troppi anni passati senza una legge, ora una mozione per dare nuove norme ai consultori». Dopo la manifestazione contro le dichiarazioni della Giunta Acquaroli sul tema dell’aborto, Simona Lupini chiede di «passare dalla parole ai fatti, e approvare subito una legge regionale sui consultori. Martedì 16 febbraio, in Consiglio sarà discussa la sua mozione, che impegnerebbe la Regione a sanare un vuoto legislativo che dura dal 1998».

«Da più di due mesi va avanti uno show sull’aborto, in cui ogni giorno assistiamo a un’escalation di assurdità ideologiche, buone solo ad arrivare sui titoli dei tg. Due mesi in cui si è urlato tanto, ma con esattamente zero provvedimenti in favore della salute delle donne e delle famiglie fragili. E’ il momento di dare ai cittadini delle risposte concrete», dice la consigliera pentastellata. «Dovrebbero essere le Regioni a definire la programmazione e il funzionamento dei consultori, secondo la legge - sottolinea la Lupini - Le Marche sono rimaste ferme ad una Delibera del 1998, anche perchè hanno abrogato l’unica legge fatta in materia, risalente al 1977. Tutta la programmazione è obsoleta, i bisogni delle donne e delle famiglie marchigiane sono cambiati: pochi giorni fa, lo ha ricordato alla politica regionale anche Marzia Lorenzetti, Presidente regionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali». La consigliera prosegue: «Dal 1998, chi ha governato la Regione ha lasciato che i consultori finissero allo sbando, e l’opposizione li ha lasciati fare, senza occuparsi mai del tema. Ora, si fa un gran parlare di aborto e consultori, ma se non c’è un clima di buon senso, per arrivare anche solo a discutere in Commissione le proposte presentate potremmo metterci anche sei mesi».

Ed ecco la sfida: «Chiedo a maggioranza e opposizione di mettere da parte le ideologie. Approvate la mozione, e avviamo i lavori per una nuova legge regionale sui consultori. Operatori e sindacati del settore hanno già presentato tante proposte: lavorando con loro, e mettendo da parte le ideologie, in poco tempo possiamo chiudere un buco di 23 anni. Siamo stati eletti per fare leggi che rispondano alle esigenze di tutti i cittadini, non per piantare bandierine e fare interviste: le donne, le famiglie fragili, i lavoratori dell’assistenza sociale non possono perdere altro tempo».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aborto, Simona Lupini (M5S): «Subito una legge sui consultori»

AnconaToday è in caricamento