Aborto, Italia Cristiana solidale con Latini: "194 esempio di ingegneria verbale"

Lo dice  Fabrizio Verduchi, presidente di Italia Cristiana in un comunicato stampa, che va in soccorso dell'assessore Latini

Fabrizio Verduchi

"Esprimiamo il nostro pieno sostegno all’assessore marchigiano Giorgia Latini per le sue dichiarazioni, perché la politica sia sempre un baluardo in difesa dei piccoli e dei più deboli, in modo particolare in sostegno della vita fin dal suo concepimento e contro la cultura mortifera dell’aborto". Lo dice  Fabrizio Verduchi, presidente di Italia Cristiana in un comunicato stampa.

"Le esprimiamo altresì piena solidarietà per le aggressioni verbali ricevute dopo la sua dichiarazione. Vi è una dittatura del pensiero unico. La cultura della morte che avvolge la 194 è assolutista, non ammette confronto, non ammette di essere messa in discussione, o la si accetta o si viene schiacciati violentemente, il pensiero deve essere unico come in qualsiasi regime totalitario. La 194 è un esempio di ingegneria verbale, hanno inventato l’acronimo IVG interruzione volontaria di gravidanza, per nascondere ciò che è veramente, perché chiamarlo aborto, dal latino abortus participio passato del verbo aborior, cioè perire, avrebbe scosso le coscienze di molti. Ci  dicono che sia per la salute della donna, ma non è un farmaco, non è una terapia, non è una cura e tante donne che hanno praticato un aborto volontario dopo hanno iniziato pesantemente a soffrire di depressione a causa della sindrome post aborto. Dal 22 maggio 1978, da quando è stata approvata la 194 ad oggi in Italia sono morti oltre 6 milioni di bambini a causa dell’aborto. Non è accettabile che ogni volta che un politico che agisce con coscienza, criticando l’aborto o mettendo in discussione la 194, venga aggredito ferocemente. È tempo di una nuova cultura e politica a favore della vita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento