Bollo dimezzato per le auto ventennali? Si, ma non è automatico

In molti danno per scontato che l'età dell'auto o della moto sia sufficiente per godere dell'agevolazione. Non è così, ecco cosa fare

Auto ventenne uguale bollo dimezzato. Vero, ma occorre fare chirezza: per un’auto che ha più di 20 anni si può godere di uno sconto del 50% sulla tassa di proprietà, ma la regola vale solo per i modelli che hanno ottenuto il Certificato di Rilevanza Storica (CRS). Come riporta il sito dell’ASI (Automotoclub Storico Italiano), si tratta del documento che sostituisce il “certificato delle caratteristiche tecniche” ed è necessario per la circolazione dei veicoli di interesse storico e collezionistico dal 19/03/2010. Le disposizioni del Decreto non si applicano a veicoli che siano repliche ex-novo, ancorché fedeli, di veicoli di interesse storico e collezionistico. Da giugno, inoltre, pagano il bollo al 50% anche i possessori di auto storiche adibite ad uso professionale. 

CRS, dove chiederlo? 

La modulistica può essere richiesta, ad esempio, presso i club federati ASI. A rilasciare il documento sono i registri 

-    Registro ASI

-    Registro Storico Lancia 

-    Registro Italiano Fiat 

-    Italiano Alfa Romeo 

-    Storico FMI

L’avvenuta iscrizione in uno dei registri elencati deve essere riportata sulla carta di circolazione del veicolo. 

Contatti utili 

Nelle Marche ci si può rivolgere a: 

ASI Marche

Club Auto Moto Storiche Ancona

Club Jesino Moto Auto d’Epoca
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Natale è lontano, ma non troppo: i consigli per decorare l'appartamento con stile

  • Trova la madre morta in bagno, arriva la polizia: tragedia in un appartamento

  • Il lungomare sommerso da acqua e detriti, danni ingenti a ristoranti e stabilimenti

  • Scoppia una cisterna, uomo travolto dall'esplosione: tragedia sfiorata in azienda

  • Corruzione, Caglioti sospeso per aver rispettato segreto su indagini: «E' dittatura»

  • Chiede l'elemosina al market, mostra i documenti ma è troppo tardi: denunciato

Torna su
AnconaToday è in caricamento