Autocertificazione: cos'è e come funziona

L'autocertificazione è una dichiarazione che l'interessato sottoscrive di suo pugno che può essere utilizza nei rapporti con la Pubblica Amministrazione per eliminare i tempi di richiesta di alcuni certificati

Ogni cittadino al posto del certificato richiesto può presentare un'autocertificazione.

COME SI FA. Può scrivere le informazioni necessarie (dove è nato, dove abita, la composizione della propria famiglia ecc) su un foglio di carta semplice e firmarlo sotto la propria ed esclusiva responsabilità (non è necessario firmare davanti all'impiegato).
Può presentarlo direttamente o spedirlo a qualsiasi Ufficio pubblico o gestore di pubblico servizio per posta o tramite fax: il foglio così redatto avrà valore e scadenza uguali al certificato e lo sostituisce in modo definitivo.

PUBBLICO E PRIVATO. La pubblica amministrazione e i gestori di pubblici servizi non possono più richiedere ai cittadini i certificati sopra elencati ma dovranno limitarsi ad accettare le autocertificazioni o acquisire i dati direttamente facendosi indicare dall'interessato gli elementi necessari. La mancata accettazione dell'autocertificazione costituisce violazione dei doveri d'ufficio.
Ai soggetti privati (ad esempio banche e assicurazioni) è data facoltà di accettare l'autocertificazione. Per tali soggetti, a differenza della pubblica amministrazione, non vi è obbligo di accettazione.

Chi può usare l'autocertificazione?

    I cittadini italiani
    I cittadini dell'Unione Europea
    I cittadini dei paesi extracomunitari in possesso di regolare permesso di soggiorno limitatamente ai dati e ai fatti attestabili dalle pubbliche amministrazioni (non è più necessario che siano anche residenti)

Che cosa si può autocertificare?

    data e luogo di nascita
    residenza
    cittadinanza
    godimento dei diritti civili e politici
    stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero
    stato di famiglia
    esistenza in vita
    nascita del figlio
    decesso del coniuge, dell'ascendente o discendente
    iscrizione in albi o elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni
    appartenenza a ordini professionali
    titolo di studio, esami sostenuti
    qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di qualificazione tecnica
    reddito o situazione economica anche per la concessione di benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali
    assolvimento di specifici obblighi contributivi con l'indicazione dell'ammontare corrisposto
    possesso e numero del codice fiscale, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell'archivio dell'anagrafe tributaria
    stato di disoccupazione
    qualità di pensionato e categoria di pensione
    qualità di studente
    qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili
    iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo
    tutte le situazioni relative all'adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio
    assenza di condanne penali e di provvedimenti iscritti nel casellario giudiziale in base alle norme in vigore
    persone a carico
    tutti i dati a diretta conoscenza dell'interessato contenuti nei registri dello stato civile
    di non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento

Che cosa non si può autocertificare?

    certificati medici, sanitari, veterinari
    certificati di origine e conformità alle norme comunitarie
    brevetti e marchi
 

Fonte: Comune di Ancona

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento