Come installare luce e gas ad Ancona

La procedura per l'attivazione di un servizio di corrente elettrica e gas ad Ancona

Casa nuova, luce nuova ma anche gas. No, non si può stare senza. Ecco le linee guida per le prime attivazioni e i contatti ad Ancona e provincia. 

Scegli il fornitore 

La prima raccomandazione è ovviamente quella più ovvia: studia bene tutte le tariffe in riferimento a l’uso che devi fare della corrente elettrica. 

Attivazione 

Sarà il fornitore che hai scelto a occuparsi di tutto. La compagnia invierà una richiesta per la fornitura di luce al distributore che provvederà ad attivarla tramite un tecnico per i contatori meccanici o tramite un comando nel caso di contatori elettrici.
Quanto ci vuole
Solitamente la fornitura viene garantita entro la settimana, o meglio nei 7 giorni lavorativi successivi. Se si va oltre, il cliente può chiedere un risarcimento in base a questo tariffario: 

  • Attivazione nel doppio del tempo: 35 euro
  •   Attivazione nel triplo del tempo: 70 euro 
  • Attivazione oltre il triplo del tempo: 105 euro

Documenti e costi 

Per la stipula del contratto occorrono questi documenti e informazioni: 

  •  la carta d'identità dell'intestatario della fornitura, necessaria per avere i dati anagrafici;
  •  recapiti telefonici e e-mail;
  • comunicare se l'abitazione è di residenza o meno;
  •  il codice POD, che corrisponde all’identificativo della bolletta associato al contatore ed è unico per ogni intestatario;
  • la potenza del contatore;
  • il codice IBAN se vogliamo la domiciliazione bancaria.

Per quanto riguarda i costi, variano a seconda del fornitore a cui ci rivolgiamo. Nel regime di maggior tutela, cioè un regime tariffario stabilito dall'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) si deve versare:

  • un contributo fisso di 26,13 € per oneri amministrativi;
  •  un contributo fisso di 23 €; 
  • un deposito cauzionale o altra garanzia, se richiesto dall'esercente; 
  • l'imposta di bollo di 16 € prevista dalla normativa fiscale. 

Per quanto riguarda il mercato libero si devono versare:

  • gli eventuali costi per la prestazione commerciale differenti in base al gestore;
  • un deposito cauzionale o altra garanzia, se richiesto dall'esercente; 
  • l’imposta di bollo di 16 €, prevista dalla normativa fiscale.

Il gas 

Anche in questo caso, dopo aver valutato l’offerta e scelto il distributore, quest’ultimo contatterà il distributore locale di Ancona entro i 2 giorni lavorativi successivi. Una volta ricevuta e approvata la documentazione, la rete locale attiva la fornitura nei successivi 10 giorni. Prima, però, verrà effettuato un controllo dell’impianto da parte di un tecnico abilitato. Nel caso in cui l’accertamento non può essere effettuato, si attiva la fornitura del gas ma il distributore comunica il mancato sopralluogo al Comune di Ancona, che può provvedere alla verifica. 

Documenti e costi 

I documenti devono essere inviati entro 90 giorni dalla data di ricevimento della richiesta di attivazioni, se entro questo periodo non vengono inviati, la procedura viene annullata.
Vediamo quali documenti presentare:

  • carta d’identità con tutti i dati anagrafici;
  •  recapiti telefonici o e.mail;
  • il codice PDR che corrisponde al codice fiscale della fornitura del gas, unico per ogni cliente
  • specificare la tipologia di fornitura, se si utilizza per cucinare, per il riscaldamento;
  • i moduli richiesti dal fornitore tra cui l’attestazione di tenuta dell’impianto.

Per quanto riguarda i costi per gli impianti di uso domestico, il fornitore addebita al cliente 40€, indipendentemente dall’esito dell’accertamento.
Nel caso in cui l’accertamento non è stato possibile, il fornitore addebita comunque 15€ al cliente. Se questo viene eseguito in seguito dal Comune i costi possono arrivare a 60€. Se l'esito della verifica del Comune è negativo, il distributore viene avvertito e può sospendere la fornitura già attivata.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Le bottiglie si riciclano al supermarket: previsti sconti sulla spesa

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

Torna su
AnconaToday è in caricamento