rotate-mobile
life

Lo sportello Sape allo Smart City Exhibition come buona pratica

E’ il primo servizio in Italia formato da cinque enti che lavorano all’unisono nell’ottica di migliorare le politiche europee e l’accesso comune ai fondi europei

Lo sportello intercomunale SAPE (Servizio associato politiche europee) è stato selezionato come buona pratica dall'Osservatorio Smart Cities e sarà presentato a Bologna nel corso del salone Smart City Exhibition del 22-24 ottobre, annuale momento di confronto nazionale e internazionale sulle città intelligenti, innovative, sostenibili.

L’interesse che ha suscitato il pionieristico progetto del Sape – primo servizio in Italia formato da cinque enti che lavorano all’unisono nell’ottica di migliorare le politiche europee e l’accesso comune ai fondi europei – dimostra da una parte che è vincente la strategia contenuta nel progetto “Ancona smart city”, approvato dalla giunta su proposta del direttore generale e mirato a una serie di obiettivi di sviluppo urbano e innovazione non solo tecnologica.

Dall’altra parte mette in evidenza l’efficacia delle politica di cooperazione tra enti: il nuovo ufficio radunando risorse umane e tecnologiche, ottiene più “forza contrattuale” nei confronti delle opportunità che arriveranno dall’Unione Europea e un effetto moltiplicatore di  competenze e tematiche da affrontare.

Il Sape funge infatti a tutti gli effetti da Ufficio Politiche europee  unico per i comuni di Ancona, Fabriano, Jesi, Senigallia e per la Provincia di Ancona e al salone di Bologna verrà appunto illustrato il suo modello organizzativo e gestionale. Proprio nella veste “collettiva” il Sape ha infatti aderito al primo progetto europeo Life Sec Adapt sull’adattamento climatico e sta valutando di aderire a progetti su altri ambiti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo sportello Sape allo Smart City Exhibition come buona pratica

AnconaToday è in caricamento