L'orto al posto del banco, ecco come a scuola si impara il rispetto dell'ambiente

L’iniziativa della scuola in collaborazione con il Comune e con Legambiente ha permesso ai giovanissimi alunni di fare un’esperienza a contatto diretto con la terra

I bambini piantano l'alloro

Quando Giulia, volontaria di Legambiente, prende in mano una piccola pianta e chiede ai piccoli alunni della scuola primaria Conero di quale specie si tratta, la risposta è unisona e precisa: «Alloro!». I giovanissimi studenti hanno iniziato la conoscenza della natura con il piede, anzi con le mani giuste. Quell’alloro l’hanno piantato oggi pomeriggio con le loro stesse mani nel giardino della scuola durante la Festa dell’Albero 2017. 

L’obiettivo di Legambiente e della dirigenza scolastica è quello di sensibilizzare gli alunni sui rischi e le conseguenze di incendi, siccità ed ecomafie. «Il primo passo per insegnare ai ragazzi il rispetto dell’ambiente sta proprio nei piccoli gesti, quelli che loro possono fare autonomamente sia a scuola che a casa» ha detto Giulia Sestilli, dell’Ufficio Campagne di Legambiente Marche. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«I bambini a turno nelle varie classi si avvicendano nel nostro giardino e danno luogo a queste piantumazioni in un pomeriggio che vede a seguire l’evento conclusivo del primo progetto relativo allo slow-food» spiega la dirigente scolastica del comprensivo Augusto Scocchera, Maria Costanza Petrini. Il progetto a cui si riferisce la preside si chiama “Orto in condotta” ed è finanziato dal Comune di Ancona. «E’ un’opportunità di contatto con la natura attraverso il cibo- spiega Ugo Pazzi, presidente di Slow Food Marche - come Slow Food pensiamo che il cibo sia centrale per l’esperienza quotidiana e per l’attenzione all’ambiente. L’orto diventa un’occasione per parlare alle future generazioni del cibo e di come si produce, di come si trasforma, della biodiversità e della stagionalità». I bambini si occupano direttamente di alcune fasi della coltivazione: «fanno la semina, annacquano, tolgono le piante infestanti e si occupano della parte meno faticosa e pericolosa coadiuvando il lavoro svolto dai nonni ortolani»
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, malore mentre si trova in acqua: muore un 69enne

  • Addio Tiziana, sconfitta da un male spietato: una vita dedicata al suo ristorante

  • Ladri scatenati, scappano con oro e Rolex: i residenti scendono in strada armati

  • Racconto-choc di una bimba in spiaggia: «Volevano rapirmi». Indagini in corso

  • Si lancia dalla finestra, trovato nudo in strada: anziano grave in ospedale

  • Riciclaggio e fallimenti pilotati, 12 arresti e 146 indagati: commercialista in carcere

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento