rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
life

"Mosaico Verde", cinquecento nuovi alberi per combattere i cambiamenti climatici

Gli obiettivi del progetto di forestazione urbana sono stati illustrati questa mattina dai promotori dell’iniziativa Mosaico Verde

Cinquecento alberi cresceranno in tre aree della città per combattere i cambiamenti climatici e l’inquinamento atmosferico. Gli obiettivi del progetto di forestazione urbana sono stati illustrati questa mattina dai promotori dell’iniziativa, realizzata grazie al sostegno di Estra Prometeo nell’ambito della campagna nazionale “Mosaico Verde”, ideata da AzzeroCO2 e Legambiente.  Per suggellare la conclusione del progetto Michele Polenta, assessore comunale all’Ambiente, Marco Gnocchini e Francesco Verniani, rispettivamente presidente e amministratore delegato di Estra Prometeo,  Sandro Scollato, amministratore delegato di AzzeroCO2, hanno scelto il parco della scuola primaria Collodi di via della Montagnola, tra le aree oggetto della riqualificazione verde. Presenti all'incontro anche l'assessore alle Politiche educative Tiziana Borini e la dirigente dell' istituto comprensivo Pinocchio Montesicuro, Michela Vincitorio.  

Le altre piantumazioni hanno riguardato Viale della Vittoria e un'area in prossimità di uno svincolo dell’Asse Nord – Sud. L’intervento realizzato andrà a vantaggio del verde urbano, con l’obiettivo di mitigare gli effetti negativi delle emissioni inquinanti e delle isole di calore. Allo stesso tempo saranno create delle barriere fonoassorbenti. Inoltre, la rigenerazione ambientale delle aree interessate consentirà una migliore fruibilità di questi spazi verdi da parte della collettività. «Siamo veramente contenti – ha dichiarato l'assessore all'Ambiente del Comune di Ancona, Michele Polenta- di presentare oggi agli organi di informazione e alla cittadinanza il completamento di un intervento di forestazione urbana che per il territorio rappresenta una preziosa opportunità sul piano ambientale e della qualità della vita. L'adesione al progetto Mosaico Verde- per il quale ringrazio Legambiente e AzzeroCO2 e Estra Prometeo che l'hanno resa possibile- costituisce una opportunità preziosa e perfettamente in linea con la programmazione del Comune di Ancona in ambito di adattamento ai cambiamenti climatici e alla riduzione delle polveri sottili in atmosfera, sviluppata negli anni.  Delle tre sedi in cui l'intervento ha trovato attuazione- asse nord-sud, viale della Vittoria e parco delle scuole Collodi-   abbiamo ritenuto di incontraci qui questa mattina, a piantumazione avvenuta, perché ci sembra che sia particolarmente significativo avere messo in relazione un progetto mirato al contrasto dell'inquinamento atmosferico, come previsto dal PIA (Progetto Inquinamento Ancona), sviluppato dalla Direzione Ambiente sotto la regia del coordinatore scientifico Prof. Bonifazi, e alla mitigazione degli effetti del clima, con un sito (la scuola) che svolge una azione educativa e di sensibilizzazione dei cittadini più giovani. Questa scelta vuole evidenziare soprattutto la necessità di intervenire con azioni concrete nei siti definiti sensibili, cioè in quelle situazioni dove vi è una maggiore presenza di bambini e ragazzi (età evolutiva) che risultano essere le categorie più vulnerabili in relazione all'inquinamento atmosferico e quindi da tutelare maggiormente. È anche e soprattutto attraverso la scuola che passa l'informazione e la formazione rispetto alla cura dell'ambiente e del verde, e sul ruolo prezioso che hanno gli alberi nell'ecosistema.  Un grazie va perciò anche alla direzione scolastica, ai docenti e alle famiglie che incoraggiano progetti in questa direzione, che godono dell'appoggio costante dell'Amministrazione comunale con la sinergia tra assessorati».

Nell’area vicina all’arteria ad elevato traffico veicolare, il Comune è intervenuto per creare una barriera verde sottostante il viadotto in modo tale da ridurre il più possibile l’inquinamento ambientale e acustico della zona. Nel parco della scuola Collodi, frequentato da bambini e situato in prossimità di uno snodo del traffico, ha proceduto con l’integrazione della vegetazione esistente, mentre lungo il Viale della Vittoria l’intervento ha riguardato principalmente lo spartitraffico costituito da un doppio filare di alberi, dove le fallanze sono state sostituite con nuovi esemplari. «È per noi un grande orgoglio – ha affermato Marco Gnocchini, presidente Estra Prometeo - essere promotori di una così nobile iniziativa votata alla sostenibilità e al verde del nostro tessuto urbano. Siamo da sempre in prima linea nella promozione e diffusione della cultura ambientale, perché la riteniamo alla base di qualsiasi programmazione presente e futura. Il fatto che vengano coinvolte anche le scuole rappresenta un incentivo ulteriore a sensibilizzare anche i più piccoli che saranno, in tutto e per tutto, le nostre generazioni di domani». Per garantire la biodiversità del progetto e il suo rapido attecchimento sono state utilizzate diverse specie coerenti con le condizioni climatiche del territorio, tra le quali il tiglio argentato, il bagolaro, l’acero campestre, la fillirea e il lentisco. L’iniziativa fa parte della campagna nazionale Mosaico Verde nata nel 2018 con lo scopo di facilitare l’incontro tra le necessità degli enti locali di recuperare aree verdi e la volontà delle aziende di investire risorse nella creazione o tutela di boschi permanenti, come misura di Responsabilità Sociale d’Impresa. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mosaico Verde", cinquecento nuovi alberi per combattere i cambiamenti climatici

AnconaToday è in caricamento