rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
life

"Mare circolare", un progetto per la salute del blu: pulizia di Mezzavalle aperta a tutti

“Mare Circolare” è il primo progetto di Blue Crowdfunding delle Marche di cui la Regione Marche è partner e Svem soggetto attuatore

ANCONA - Arriva “Mare Circolare”, che nelle giornate del 5 e 8 maggio concluderà il suo iter proprio sulla riviera del Conero. “Mare Circolare” è il primo progetto di Blue Crowdfunding delle Marche di cui la Regione Marche è partner e Svem soggetto attuatore. L’iniziativa, co-finanziata nell’ambito del Programma di Cooperazione Territoriale Europea “Interreg Mediterranean 2014-2020”, ha preso il via a marzo da Fano e Senigallia, per spostarsi poi a Civitanova Marche e concludersi sulla riviera del Conero il 5 e 8 maggio. 

Il 5 sarà una giornata tecnica che vedrà in azione il Pelikan, il battello ecologico per la raccolta dei rifiuti in mare, i sommozzatori di Komaros che puliranno il fondale marino, il CNR – IRBIM di Ancona e l’Università Politecnica delle Marche attivi invece nel campo del monitoraggio e ricerca. Domenica 8 maggio sarà una giornata dedicata all’educazione ambientale e ai cittadini che potranno, a partire dalle 9.30, partecipare attivamente alla pulizia della spiaggia di Mezzavalle.  

“Mare Circolare” promosso da Garbage Group, realtà marchigiana che da oltre 60 anni si prende cura e protegge l’ambiente marino vede la partecipazione di partner scientifici come il CNR – IRBIM di Ancona e l’Università Politecnica delle Marche. Al loro fianco il mondo dell’associazionismo civico, ambientale, quello della scuola e dell’educazione ambientale. Il progetto di raccolta fondi iniziato il 27 settembre si è concluso il 27 novembre 2021 raggiungendo l’obiettivo di 41.680 euro. La campagna di comunicazione e sensibilizzazione che ha permesso di raggiungere l’obiettivo economico ha visto due testimonial d’eccezione, da sempre legati ai temi sostenibilità ambientale e alimentare: l’attore e scrittore Giobbe Covatta e lo chef stellato Moreno Cedroni. L’obiettivo del progetto pilota è quello di dare dimostrazione di come rimuovere gli elementi inquinanti, la plastica in primis, favorendo la salubrità marina, funzionale alla salvaguardia della filiera ittica e della catena alimentare.

«Questa iniziativa innanzitutto ha il merito di favorire una sinergia d’intenti e operativa tra pubblico e privato su un tema così importante come quello della sostenibilità ambientale – afferma l’assessore all’Ambiente del Comune di Ancona, Michele Polenta - . E su questa linea come Amministrazione stiamo lavorando da tempo: da un lato  sensibilizzando e dall’altro eliminando l’utilizzo di materiale monouso non biodegradabile, come  per esempio nelle scuole, o come attraverso la messa al bando del materiale monouso in plastica nelle attività di somministrazione di alimenti e bevande e con l'imminente avvio delle azioni di controllo degli ispettori ambientali, fortemente voluti dal nostro assessorato in relazione al corretto conferimento dei rifiuti da parte di cittadini e imprese. L’appuntamento con il clean up di Mezzavalle costituisce un’occasione per informare e sensibilizzare sulla necessità di rispettare l’ambiente e  le nostre coste. Invito quindi tutti a questa giornata, che  serve anche per responsabilizzare i cittadini sul corretto conferimento dei rifiuti: un tema fondamentale per evitare i danni ambientali prodotti dall’abbandono di materiali non biodegradabili sulla costa e in mare».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mare circolare", un progetto per la salute del blu: pulizia di Mezzavalle aperta a tutti

AnconaToday è in caricamento