Martedì, 15 Giugno 2021
life

Stop pesticidi, presentato il dossier di Legambiente sui residui che arrivano nel piatto

Quasi la metà dei campioni analizzati contiene residui di pesticidi, nella frutta oltre il 70%. Nelle Marche pesticidi presenti nel 63,2% dei monitoraggi svolti dall’Arpam nei corsi d’acqua

Foto di repertorio

Liberare l’agricoltura dalla dipendenza della chimica. È questo l’obiettivo del dossier “Stop pesticidi” presentato questa mattina da Legambiente. L’edizione 2020 del rapporto dell’associazione ambientalista fotografa una situazione che vede risultare regolare e privo di residui di pesticidi solo il 52% dei campioni analizzati. Senza dubbio, un risultato non positivo e che lascia spazio a molti timori in merito alla presenza di prodotti fitosanitari negli alimenti e nell’ambiente. Analizzando nel dettaglio i dati negativi, si apprende che i campioni fuorilegge non superano l’1,2% del totale ma che il 46,8% di campioni regolari presentano uno o più residui di pesticidi.

La presenza di pesticidi è riscontrata anche nei monitoraggi che vengono svolti dall’Arpam sui corsi d’acqua delle Marche. Nel report del triennio 2015-2017, la presenza di pesticidi nelle acque fluviali è stata riscontrata nel 63,2% dei monitoraggi effettuati. «Un dato che ci preoccupa e che impone di continuare a investire con forza nei percorsi virtuosi avviati in questa regione, come quello degli accordi agroambientali e dei contratti di fiumi in cui la filiera dell’agricoltura ha un grande ruolo – commenta Francesca Pulcini, presidente di Legambiente Marche -. Occorre liberare l’agricoltura dalla dipendenza dalla chimica per diminuire i carichi emissivi e favorire un nuovo modello, che sposi pienamente la sostenibilità ecologica come asse portante dell’economia delle Marche, diventando un settore strategico per il contrasto della crisi climatica. Tutte le risorse che arriveranno in questa regione – conclude Legambiente -, da quelle per il Piano di Sviluppo Rurale a quelle del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, vanno indirizzate all’agroecologia, in modo da accelerare la transizione verso una concreta diminuzione della dipendenza dalle molecole pericolose di sintesi, con l’obiettivo di giungere nelle Marche e in Italia al 40 % di superficie coltivata a biologico entro il 2030. Solo in questo modo potremo tutelare la salute dei cittadini, conservare biodiversità e ambiente, generare sano lavoro locale e contrastare i cambiamenti climatici».

Cattive notizie anche in merito alla quantità di residui derivanti dall’impiego di prodotti fitosanitari in agricoltura: i laboratori pubblici regionali ne hanno trovato traccia in campioni di ortofrutta e prodotti trasformati in elevata quantità. Preoccupanti inoltre i dati del multiresiduo, che - è bene ricordarlo - la legislazione europea non considera non conforme a meno che ogni singolo livello di residuo non superi il limite massimo consentito, benché sia noto da anni che le interazioni di più e diversi principi attivi tra loro possano provocare effetti additivi o addirittura sinergici a scapito dell’organismo umano. Proprio il multiresiduo risulta essere più frequente del monoresiduo, essendo stato rintracciato nel 27,6% del totale dei campioni analizzati, rispetto al 17,3% dei campioni con un solo residuo. Come negli anni passati, la frutta è la categoria in cui si concentra la percentuale maggiore di campioni regolari multiresiduo. Ad essere privo di residui di pesticidi è solo il 28,5% dei campioni analizzati, mentre l’1,3% è irregolare e oltre il 70%, nonostante sia considerato regolare, presenta uno o più residui chimici. L’89,2% dell’uva da tavola, l’85,9% delle pere, e l’83,5% delle pesche sono campioni regolari con almeno un residuo. Le mele spiccano con il 75,9% di campioni regolari con residui e registrano l’1,8% di campioni irregolari. Alcuni campioni di pere presentano inoltre fino a 11 residui contemporaneamente. Situazione analoga per il pompelmo rosso e per le bacche di goji che raggiungono quota 10 residui. Diverso il quadro per la verdura: se, da una parte, si registra un incoraggiante 64,1% di campioni senza alcun residuo, dall’altro fanno preoccupare le significative percentuali di irregolarità in alcuni prodotti come i peperoni in cui si registra l’8,1% di irregolarità, il 6,3% negli ortaggi da fusto e oltre il 4% nei legumi. Tali dati, se analizzati in riferimento alla media degli irregolari per gli ortaggi, che è dell’1,6%, destano preoccupazione. Ad accomunare la gran parte delle irregolarità è il superamento dei limiti massimi di residuo consentiti per i pesticidi (54,4%) ma non mancano casi in cui è stato rintracciato l’utilizzo di sostanze non consentite per la coltura (17,6%). Nel 19,1% dei casi, poi, sono presenti entrambe le circostanze. Le sostanze attive che più hanno determinato l’irregolarità sono l’organofosforico Chlorpyrifos nell’11% dei casi e il neonicotinoide Acetamiprid nell’8% dei casi. Altro dato da sottolineare è la presenza di oltre 165 sostanze attive nei campioni analizzati. L’uva da tavola e i pomodori risultano quelli che ne contengono la maggior varietà, mostrando rispettivamente 51 e 65 miscele differenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop pesticidi, presentato il dossier di Legambiente sui residui che arrivano nel piatto

AnconaToday è in caricamento