Gabbie in plexiglas? Meglio le fioriere: il progetto "green" per spiagge Covid-off

L'idea nasce da Paolo Pelosi, Pierluigi Vinaccia e Andrea Silvi, pool di professionisti anconetani: il verde come barriera naturale anti-virus, un'App per gli chalet certificati

Un'immagine del rendering

Divisori in plexiglas tra un ombrellone e l’altro? Anche no. Bastano fioriere e piante per andare al mare in tranquillità. La soluzione “green”, decisamente meno impattante e più praticabile, arriva da un pool di professionisti anconetani che hanno studiato il progetto Covid-Off per un’estate in sicurezza. L’idea nasce dall’ingegner Paolo Pelosi (2PStudiodesign), dall’architetto Pierluigi Vinaccia (studio associato Mod’A) e dal designer Andrea Silvi (Ventidue Srls). «Abbiamo pensato a un protocollo per le spiagge che potrebbe consentire l’avvio della stagione balneare nel rispetto delle normative d’igiene sanitaria e del comportamento da osservare per la tutela degli operatori e dei bagnanti», spiega l’architetto Vinaccia. Nell’estate 2020 pare che gli ombrelloni dovranno essere separati di 5 metri per fila e 4 metri e mezzo l’uno dall’altro: ma come garantire il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro? Nelle scorse settimane ha fatto molto discutere il progetto di barriere in plexiglas da installare sull’arenile. Ma immaginate che caldo? E poi, chi avrebbe voglia di rinchiudersi in gabbie di plastica infuocate?

«Anziché all’inserimento una barriera fisica che chiuda e soffochi lo spazio, abbiamo pensato ad una delimitazione a terra di piazzole versatili, che concedano spazio e aria, offrendo ai bagnanti una permanenza sicura e rilassante in riva al mare», spiega l’architetto Vinaccia. Insomma, il verde come barriera naturale contro il Coronavirus. Come? Con fioriere flessibili che disegnano il perimetro attorno agli ombrelloni, garantiscono il rispetto delle distanze e della privacy e possono essere adattate alle esigenze e agli spazi della spiaggia. Il progetto si fonda su una rete di enti pubblici, professionisti del settore vivaistico e operatori balneari, grazie alla quale si potrebbero rilasciare certificati di garanzia alle spiagge Covid-off e, attraverso un’App dedicata, prenotare in anticipo la propria piazzola con tanto di arredo (lettini, sdraio, gonfiabili...) e servizi dello stabilimento. Una soluzione intelligente ed ecosostenibile per un’estate al riparo dal rischio di contagio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento