Il mondo dell'arredamento scende in campo per salvare l'ambiente

"Sul tema dell'ambiente occorre agire prima che sia troppo tardi, non possiamo più permetterci di perdere tempo: ne va del futuro dei nostri figli e delle prossime generazioni"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

"Sul tema dell'ambiente occorre agire prima che sia troppo tardi, non possiamo più permetterci di perdere tempo: ne va del futuro dei nostri figli e delle prossime generazioni. Per questo è importante uno sforzo da parte di tutti, anche da chi fa impresa". E' la convinzione di Simone Pierdominici, direttore dell'omonimo negozio di arredamento e ideatore del sistema per arredare la casa 'Abitativo'. Pierdominici ha deciso di aderire e di portare in provincia di Ancona e in tutte le Marche 'Stile Naturale' (https://stilenaturale.com): una rete di imprenditori, professionisti e aziende, tutti accomunati da una fortissima visione di rispetto per il tema dell'ambiente e dell'ecosostenibilità che si pongono come obiettivo quello di impattare in maniera decisiva su quella che è la più grande emergenza dei giorni nostri: la salute delle persone, la salubrità degli ambienti confinati e la salvaguardia del pianeta. Dal 6 all'8 marzo Pierdominici, insieme ad altri partner provenienti da tutta Italia, parteciperà a "Fa la cosa giusta!", la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili in programma a Milano, dove si svolgerà il primo "Vertice nazionale su sensibilità ambientale e comfort abitativo". Pierdominici interverrà all'evento milanese per tenere un approfondimento sulle soluzioni di arredamento green, capaci di coniugare comfort abitativo e interior design al tema dell'ecologia. "Nella nostra azienda - spiega Pierdominici - abbiamo deciso di adottare un comportamento estremamente rigoroso, cercando di proporre un approccio sostenibile: ad esempio ci avvaliamo esclusivamente di fornitori certificati, che condivino i nostri stessi valori, e di materie prime dal ridotto impatto ambientale. Non si tratta soltanto di seguire una moda, ma di un dovere preciso che tutti noi, imprenditori e privati cittadini, dovremmo condividere". Con un pubblico stimato di 65mila persone, "Fa la cosa giusta!" rappresenta senz'altro uno degli eventi che meglio incarnano la filosofia 'green', intesa non come semplice moda passeggera, ma come impegno concreto e quotidiano. Da 16 anni “Fa la Cosa Giusta” si fa portavoce di stimolare il pensiero critico ed uno stile di vita sempre più sostenibile.

Torna su
AnconaToday è in caricamento