Camerano è il primo “Comune Riciclone” della provincia nella classifica Legambiente

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Nella speciale classifica nazionale di Legambiente, patrocinata dal Ministero per l'Ambiente, che evidenzia le comunità locali che hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti, Camerano risulta essere il primo Comune della Provincia di Ancona e tra i primi della Regione per la bassa produzione pro capite di rifiuto indifferenziato che si attesta a 74,3 kg/ab annuo. Il Comune negli ultimi anni è rientrato per ben 5 volte nell’elenco Nazionale dei Comuni virtuosi e attualmente risulta formalmente primo della Regione Marche per percentuale di raccolta differenziata, primo per applicazione della tariffa puntuale e tra i pochi Enti nel quale è possibile constatare, negli anni, un decremento dei costi a carico delle famiglie che ad ogni modo si trovano a pagare una delle tariffe più basse della Regione. Se inoltre si considera che l’effettivo rifiuto secco pro capite per le sole utenze domestiche è di 23,9 kg/ab e di 68,2 kg/ab se si includono i rifiuti delle imprese (secondo il calcolo ufficiale del dgr 418/2018), è palese che siamo ben al di sotto della media annua Regionale di 520 kg/ab (-662,5%) e anche della media dei Comuni virtuosi Marchigiani (media 70,2 kg/ab). Il mix di questi fattori pongono realisticamente Camerano fra gli Enti più competitivi d’Italia sul fronte del sistema integrato di gestione locale dei rifiuti. Nota dolente della classifica è che sono presenti solamente 8 Comuni virtuosi su 227 (3,5%) in tutto il territorio Marchigiano, pari a 46.343 cittadini su 1.518.400 (3%). In materia di rifiuti, l’auspicio per i prossimi anni è che ci siano politiche Regionali o di area vasta maggiormente permeanti sul piano della prevenzione, della gestione e del controllo.

Torna su
AnconaToday è in caricamento