Camerano, ordinanza per la lotta obbligatoria contro la processionaria del pino

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

A causa delle temperature elevate, registrate in queste ultime settimane, sono state avvistate diverse larve di processionarie in varie zone del paese, soprattutto nelle aree verdi in cui sono presenti dei pini. L'ufficio tecnico Comunale parallelamente agli interventi di potatura ha già rimosso un gran numero di nidi, ma ovviamente sarebbe opportuno che anche i privati nei propri giardini si preoccupino di effettuare con la dovuta tempestività l'eliminazione delle larve prima che l'inverno finisca, al fine di diminuire il fenomeno e prevenire l'infestazione di questi insetti. Per quanto sopra è stata emessa apposita ordinanza che prevede per i proprietari e gli amministratori di condominio che gestiscono aree verdi private sul territorio Comunale, di effettuare tutte le opportune verifiche ed ispezioni sugli alberi a dimora nelle loro proprietà, al fine di accertare la presenza dei nidi di processionaria del Pino. Dette verifiche dovranno essere effettuate con maggiore attenzione sugli alberi soggetti all’attacco degli infestanti, ossia il Pino domestico (Pinus pinea), il Pino d’aleppo (Pinus halepensis), il Pino silvestre (Pinus silvestrys), il Pino nero (Pinus nigra) e il Pino strobo (Pinus strobus). Quando ci si accorge della presenza dei nidi dell’insetto sulla chioma si dovrà immediatamente intervenire con la rimozione e la distruzione degli stessi, secondo le modalità indicate dal Servizio Fitosanitario Regionale dell’Assam, effettuando l’operazione con la massima cautela per evitare ogni contatto con i peli urticanti delle larve (coprire tutto il corpo, mettere guanti, occhiali e mascherina per proteggere occhi e viso). Su piante isolate in aree private è possibile sistemare dei cartoni con colla (a forma di imbuto) intorno al tronco al fine di catturare le larve che scendono dalla chioma su cui è possibile intervenire direttamente con prodotti fitosanitari di contatto. È fatto assoluto divieto di depositare rami con nidi di processionaria nelle varie frazioni di rifiuto a circuito comunale. La violazione dell’ordinanza prevede una sanzione amministrativa da un minimo di € 25,00 ad un massimo di € 500,00. La processionaria del pino è un insetto altamente distruttivo per le pinete poiché le priva di parte del fogliame, compromettendone così il ciclo vitale e deve il suo nome alla caratteristica abitudine di muoversi sul terreno in fila, formando una sorta di "processione". Visti dall'esterno i nidi sembrano grossi bozzoli cotonosi di colore bianco, ma al loro interno racchiudono centinaia di larve. La processionaria, oltre a desfogliare piante intere, può costituire un pericolo per l'uomo in quanto i peli urticanti dell'insetto allo stato larvale, provocano delle irritazioni e delle infiammazioni cutanee e in alcuni casi possono provocare gravi reazioni allergiche. L’ingestione o l’inalazione della processionaria da parte di un cane, aziona una violenta infiammazione che potrebbe portare a necrosi, con conseguente perdita di porzioni di lingua o naso, soffocamento, febbre e diarrea emorragica. In caso di contatto con i peli urticanti e consigliabile lavare subito l'area interessata e recarsi dal medico o nel più vicino pronto soccorso. Anche per gli “amici a 4 zampe” in caso di ingestione/inalazione bisogna lavare le aree interessate dal contatto ed è assolutamente necessario dirigersi dal veterinario. Per qualsiasi informazione è possibile contattare l’Ufficio Ambiente del Comune o effettuare una segnalazione tramite il servizio on line sul portale istituzionale.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento