Ludovica Bartolini vince il premio Valeria Solesin 2019

Con una tesi sulle "spose bambine", i matrimoni forzati e precoci molto diffusi in diversi paesi al mondo, la ricercatrice dell’Università di Macerata, si aggiudica la terza edizione del concorso

Premio Valeria Solesin

Con la tesi “Il dramma delle spose bambine tra diritto e cultura”, che affronta il tema dei matrimoni forzati e precoci, Lodovica Bartolini vince la III edizione del "Premio Valeria Solesin" promosso dalla Commissione regionale pari opportunità, presieduta da Meri Marziali.

La commissione giudicatrice si è espressa all’unanimità per la giovane ricercatrice laureatosi in Studi politici e internazionali nell'anno accademico 2016/2017 presso l’Ateneo di Macerata. “La tesi evidenzia un rigore metodologico – si legge nella motivazione - nell’affrontare il tema delle spose bambine che risulta essere particolarmente attinente alla finalità del premio, ai temi collegati alla questione di genere e al contenuto di valenza sociale e interculturale. Il lavoro di ricerca esprime con originalità l’universalità della problematica dei matrimoni forzati di minori, segnalando le criticità e la mancanza di effettività nell’applicazione dei diritti a livello internazionale e sovranazionale”. Il matrimonio forzato e in giovane età è molto diffuso in numerosi paesi. Secondo i dati Unicef, al 2014 si potevano contare più di 700 milioni di donne, provenienti da tutto il mondo, che sono state costrette a contrarre matrimonio prima di aver raggiunto i 18 anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La commissione giudicatrice - presieduta da Mariantonia Sciarrillo, componente della Cpo, e composta dalle docenti Ninfa Contigiani (Università di Macerata) e Marta Cerioni (Politecnica delle Marche) - ha, inoltre, deciso di assegnare due menzioni speciali; a Eleonora Fagiani è stata riconosciuta per la tesi “Voci e visioni nello spazio della scrittura: la poetica del femminile in Adrienne Rich e Rachel Blau Duplessis”, mentre a Elisa Gilormello per “Discorsi del genere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Diete chetogeniche, parte il ciclo di incontri formativi: il programma della prima giornata

  • Una scuola per genitori: salgono in cattedra magistrati, pedagogisti e famiglie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento