Formazione

Specializzandi, scatta la mobilitazione: Anaao Giovani Marche scende in piazza

La protesta insieme ad altre sigle sindacali: «Indifferenza della politica nella qualità formativa dei medici»

Denunciare la scarsa attenzione del Decreto Rilancio alle istanze dei giovani medici italiani. Ecco l’obiettivo con il quale Anaao Giovani, con la partecipazione di altre sigle sindacali, ha lanciato la mobilitazione nazionale degli studenti in medicina, gli specializzandi e i giovani medici. «Il futuro della sanità – dice Federico Gioacchini, coordinatore di Anaao Giovani Marche – ci preoccupa particolarmente soprattutto perché percepiamo l'indifferenza della politica italiana in merito alla qualità formativa dei medici specialisti». 

«L’aumento di soli 4.200 contratti formativi in tutta Italia è un numero a nostro avviso insufficiente – spiega Gioacchini - perché oltre a non configurarsi come concreta soluzione all'imbuto formativo e alla carenza di Medici Specialisti, lascia invariato il rapporto borse/candidati rispetto a quanto previsto per il 2019». Per Anaao Giovani Marche ciò comporterà che 10mila medici italiani neolau-reati non avranno la possibilità di accedere al percorso formativo specialistico nella stessa nazione in cui sei anni prima hanno iniziato il loro percorso di laurea in medicina e chirurgia. «Appoggiamo con convinzione la mobilitazione – insiste Gioacchini – reputando inaccettabile l’abbandono della programmazione per la Sanità pubblica avvenuto negli ultimi dieci anni». Secondo il coordinatore di Anaao Giovani Marche, «l’esperienza della fase di emergenza della pandemia doveva indurre a considerare con maggiore lungimiranza la formazione dei medici investendo sui giovani e il sit-in a piazza Montecitorio previsto per mercoledì alle 10.30, ha proprio l’obiettivo di rinnovare l’accorato appello a tutela dei cittadini-pazienti prima che dei medici stessi». 
 
 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Specializzandi, scatta la mobilitazione: Anaao Giovani Marche scende in piazza

AnconaToday è in caricamento