Attori per un giorno nel segno di Leopardi: oltre settanta alunni in scena

La Rassegna ha celebrato i 200 ani dell' "Infinito" e più di 70 ragazzi hanno portato le loro emozioni sul palco

I raggazzi che sono andati in scena

Oltre settanta ragazzi sono saliti sul palcoscenico del teatro Palestra di Serra San Quirico e portato in scena lo spettacolo “Senti il mio sentimento”, frutto dell’attività di Officina Marche. Per giorni i ragazzi hanno lavorato, a gruppi misti, sulle emozioni: le due scuole in scena, l'Istituto Grazie-Tavernelle di Ancona e un istituto di San Benedetto, non si conoscevano ma sono riusciti a realizzare una rappresentazione molto ben collegata. Hanno accompagnato gli studenti Roberto Granati Raggi e Michele Galeazzi come operatori, le insegnanti Monica Domizi, Liliana Marzetti e Claudia Ferri, insieme ad altri docenti delle scuole. «Sembra di essere una grande famiglia – il commento dei ragazzi dopo la messa in scena – Portare le emozioni sul palco non è stato facile ma è stato molto bello». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Rassegna Nazionale dei Teatri della Scuola, avviata lo scorso 27 aprile, ruotava intorno al concetto di “Infinito”, e al tema “L’educazione sentimentale e Giacomo Leopardi” per celebrare i 200 anni dell’Infinito (1819-2019) del grande poeta. La rassegna marchigiana, organizzata da ATGTP Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata, è stata la più grande kermesse nazionale dedicata al Teatro Educazione. Costruita ogni anno intorno ad un personaggio guida, per il 2019 la Rassegna Nazionale di Teatro della Scuola ha voluto approfindire – attraverso la vita e le opera di Giacomo Leopardi – la necessità di un’educazione alla vita emotiva, in un tempo e in una società in cui è sempre più difficile parlare di emozioni. La rassegna ha voluto coniugare, attraverso il Teatro Educazione, educazione e sentimento, come seppe fare il grande poeta recanatese in un continuo afflato di struggete bellezza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo concorso pubblico dopo l'emergenza Covid

  • Tirocini e formazione aziendale, riprendono le attività sospese dal 12 marzo

  • Open day lauree magistrali, l'Università presenta 23 corsi e alcune novità

  • Sovraffollamento nelle scuole, il report: ecco gli istituti che soffrono di più

  • “Immuni o no?”, l’app che fa discutere l'Italia in un incontro all’Università

  • La scuola marchigiana presenta il conto: «90 milioni solo per infanzia e primaria»

Torna su
AnconaToday è in caricamento