Mercoledì, 16 Giugno 2021
Scuola

Diritti umani e libertà di stampa al centro dell'Assemblea d'Istituto

«Accendiamo la luce”. Illuminiamo la libertà di espressione e di stampa, contro ogni forma di violenza, prevaricazione e di censura». Da questo muove l’idea al centro dell’Assemblea d’istituto di chiusura dell’anno scolastico 2020-21

«Accendiamo la luce”. Illuminiamo la libertà di espressione e di stampa, contro ogni forma di violenza, prevaricazione e di censura». Da questo muove l’idea al centro dell’Assemblea d’istituto del Marconi-Pieralisi di Jesi, a chiusura dell’anno scolastico 2020-21. L'assemblea è prevista per venerdì 28 maggio dalle ore 10,40 alle 13,10. 

Gli studenti eseguiranno un’attività laboratoriale sui diritti umani con un focus sulla libertà d’espressione e libertà di stampa. Si dedicheranno in particolare a portare alla luce storie più o meno conosciute di attivisti che hanno subìto o stanno tuttora subendo una violazione dei diritti umani. Ogni classe sarà abbinata al nominativo di un/un’attivista o un giornalista che ha subito o sta subendo una violazione dei diritti umani. Il gruppo classe dovrà realizzare una “scheda informativa” su tale attivista/giornalista utilizzando una App interattiva che permette di rendere le immagini interattive, inserendo dei Tag. Nella scheda si dovrà inserire anche uno slogan della classe a sostegno dell’attivista abbinato. Le classi parteciperanno ad un concorso in cui si valuteranno originalità ed efficacia del prodotto.

Un secondo, importante momento, è la cerimonia di venerdì 28 maggio, 60esimo anniversario della fondazione di Amnesty International. L’Istituto, per celebrare la ricorrenza, accogliendo la proposta di Amnesty, organizza la piantumazione nel giardino privato della scuola di un albero dai fiori gialli che ricordano con il loro colore, il logo del movimento. Quello diventerà l’angolo di Amnesty International e sarà contrassegnato dalla targa celebrativa del sessantesimo anniversario: «per celebrare il nostro lavoro e per ricordarci quanto ce ne sia da fare per far crescere un’umanità attiva per i diritti di tutti – si legge in un documento di Amnesty International che accompagna la motivazione della piantumazione - l’albero simboleggia la strada fatta e quella da fare e se il pianeta ha bisogno di tanti alberi per sopravvivere, il mondo ha bisogno di tante persone attive per diventare un posto migliore per vivere». Mentre gli studenti saranno impegnati nel laboratorio, nel giardino dell’Istituto adiacente all’ingresso da via Raffaello Sanzio sarà piantato un albero per celebrare il 60° compleanno di Amnesty. «Si tratta di una cerimonia strettamente privata in osservanza alle vigenti disposizioni anti-Covid pertanto - fanno sapere dall’IIS Marconi Pieralisi - assisteranno soltanto i rappresentanti degli studenti in Consiglio di Istituto, le professoresse Anna Rosati; Arianna Martelli, Rossana Raffaelli e la docente referente “legalità” Rita Armati». 
I momenti di riflessione sul tema dei diritti umani e della libertà di espressione/stampa culmineranno con l’incontro di sabato 29 maggio con Arianna Burdo, referente per Amnesty gruppo di Ancona. Saranno coinvolti tutti i 1050 studenti, i quali prenderanno parte all’incontro online sulla piattaforma Microsoft Teams (dalle 10,10 alle 12,10).  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diritti umani e libertà di stampa al centro dell'Assemblea d'Istituto

AnconaToday è in caricamento