Operatore della carta e della filigrana, al via il corso professionale

Il corso darà la possibilità a quindici persone di intraprendere un percorso professionale

Fabbricazione della carte (foto turismo.it)

Il corso Operatore della lavorazione della Carta e Filigranista promosso da Carifac’Arte, dall’Its Efficienza Energetica, con la consulenza dell’Università di Camerino e la Fondazione Fedrigoni, ha organizzato un corso di lavorazione della carta e della filigrana. Al termine della data indicata per la presentazione delle iscrizioni, sono arrivate 28 domande: 15 donne e 13 uomini. Giovani e non solo, che hanno mostrato grande interesse per acquisire le conoscenze basilari che potrebbero portarli a un nuovo lavoro. Le domande pervenute sono giunte da Fabriano, Ancona, Loro Piceno, Sassoferrato, San Benedetto del Tronto, Recanati e San Severino Marche. Ma non solo dalle Marche. Il 21 settembre scorso si è svolta la prova di selezione nella sede dell’IIS a Fabriano, al termine della quale sono stati selezionati i 15 partecipanti. Altri cinque nominativi sono risultati idonei e potrebbero essere ammessi al corso, che prenderà il via ufficialmente entro la prima decade di ottobre prossimo, qualora dovessero esserci delle rinunce.

«Siamo molto soddisfatti della rispondenza che c’è stata nei confronti del Corso professionale. Ciò evidenzia come sia assolutamente giusta la strada che abbiamo intrapreso con la nascita della Scuola Internazionale dei mestieri d’Arte nell’immobile “Le Conce” a Fabriano, presso Carifac’Arte», commenta il presidente della Fondazione Carifac, Marco Ottaviani. «Ringrazio la Regione Marche che ha deciso di inserire il nostro Corso nel catalogo dei corsi professionali regionali e, grazie a ciò, dopo il superamento dell’esame finale ai giovani verrà rilasciato un titolo di 4° livello EQF correlato ai “learning outcomes” come certificazione di specializzazione tecnica superiore. Naturalmente, restano anche confermati, i 12 CFU che saranno riconosciuti dall’Unicam per i corsi di scienze e tecnologie chimiche e scienze delle tecnologie dei beni culturali.  

Complessivamente sono 300 le ore previste, di cui 220 di teoria e pratica, 72 ore di stage aziendale e 8 di esame finale. Le lezioni si svolgeranno dalle 15 alle 18 e sono previsti 3 incontri alla settimana. Le materie insegnate spazieranno dai processi cartari nella storia, all’importanza della carta fatta a mano e della filigrana; dalla chimica e tecnologia dei processi cartari e materie prime, alle metodologie chimiche di fabbricazione della carta e caratteristiche fisiche, meccaniche e ottiche; dall’automazione controllo qualità e innovazione dei processi cartari – impresa 4.0, a preparazione di filigrane; dalla produzione della carta a mano, a tecniche di stampa su carta a mano.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un centro polifunzionale nella scuola di Lollo, apre il “Future Lab Lorenzo Farinelli”

  • Sette studenti diventano apprendisti, è record regionale per la scuola anconetana

  • "Rallentate, qui si gioca ancora per strada", i piccoli alunni sensibilizzano il quartiere

  • Il punteruolo rosso ha distrutto le palme, i bambini piantano quelle nuove

  • Occupazione dopo la scuola, due istituti premiati da Eduscopio 2019

  • Al Panzini parte il progetto Open: «Non siete il futuro, ma il presente che cambierà l’Italia»

Torna su
AnconaToday è in caricamento