U-bahn a tutto elettro, sabato la rivelazione pop Wolther Goes Stranger

Torna F/M (Food & Music) l'appuntamento fisso del sabato sera dell'U-bahn. Ovvero l'evento del weekend dove la proposta gastronomica anticipa il clou del sabato notte, che comincia con il concerto e prosegue con il dj set. Sabato 12 dicembre sul palco dell'U-bahn si esibirà la formazione bolognese Wolther Goes Stranger, rivelazione electro-pop del circuito indipendente italiano. Wolther Goes Stranger è una creatura di Luca Mazzieri (già nei post-rocker Marla e nei bolognesi A Classic Education), una sorta di «cantautorato dance che racconta storie d’amore e di piccole sconfitte». II è il secondo disco della formazione, seguito dell’esordio Love Can’t Talk del 2013.

Composto in un imprecisato «piccolo e quieto paese a quota 1000 metri raggiungibile attraverso una strada di montagna circondata da pinete di conifere dal sapore molto Twin Peaksiano», il disco, rispetto al precedente capitolo, risente molto dell’ambientazione in cui è stato pensato, presentandosi più intimo, pacato e riflessivo. Dopo un’apertura più ballabile con il dittico Berlino Est (soffusa dance dal sapore mitteleuropeo) e Chiodi (irresistibile e spasticissima canzone d’amore), i toni si fanno infatti più sussurrati e i colori più acquerello, con il leggero tappeto ritmico che si assesta su beats in punta di piedi che sembrano riprendere un calmo battito cardiaco, e la voce che si fonde con quella di Linda Brusiani a dipingere sognanti melodie intrise di nostalgia. Unica eccezione è l’incursione in territori addirittura EDM di Dancer, che si muove smaliziata e sensualmente ammiccante («suona osceno, ma so che tu lo sai fare»), salvo poi riadagiarsi sui sognanti synth di Con Te e chiudersi sulla crepuscolare Wtf (arricchita con una perla no-sense nel finale). 

Questo incontro di voci si rivela come uno dei punti cardini del disco, incluso l’utilizzo del doppio idioma inglese-italiano, anche all’interno della stessa canzone: sulla carta può apparire come una mezza bestialità, ma all'interno di questo contesto conferisce semplicemente un andamento sinuoso ai brani. D’altronde non c’è una lingua sola per parlare di amore e nemmeno è necessario capirsi appieno per definirsi innamorati. Lo potremmo definire un disco di electro-pop che lancia uno sguardo lascivo verso i Roxy Music, ma non gli renderemmo giustizia. La verità è che i Wolther Goes Stranger sono abili nel coniugare passione e eleganza, valorizzando la parte minimale della loro produzione, quel battito che si insinua e ti costringe a restare in gioco e a muoverti, nonostante tutto. 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • La street art newyorchese arriva a palazzo Campana: la mostra di Keith Haring

    • dal 23 luglio 2020 al 10 gennaio 2021
    • Palazzo Campana
  • Letizia Battaglia: la grande fotografa in mostra alla Mole

    • dal 23 luglio 2020 al 1 gennaio 2021
    • Mole Vanvitelliana
  • Giuseppe Chiari, suono, parola, azione: la mostra a Palazzo Bisaccioni

    • Gratis
    • dal 27 giugno al 22 novembre 2020
    • Palazzo Bisaccioni
  • Quaranta opere esposte dopo il sisma. Tutte le informazioni per vedere la mostra

    • dal 15 al 22 ottobre 2020
    • Palazzo del Duca
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    AnconaToday è in caricamento