"Teatro Nuovo Melograno", domani la prima con la "Liolà” di Pirandello

Liolà rappresenta il punto di rottura tra il suo mondo spensierato e in armonia con la natura e quello gretto e ipocrita della realtà contadina siciliana dei primi del Novecento

SENIGALLIA – È iniziato il conto alla rovescia per l’attesa prima della stagione 2015-2016 del “Teatro Nuovo Melograno”, realizzata con il patrocinio del Comune di Senigallia. Giovedì 8 ottobre, alle ore 21, all’omonimo teatro di via Botticelli, 30/1, andrà in scena la commedia “Liolà” di Luigi Pirandello per la regia di Catia Urbinelli.

Liolà rappresenta il punto di rottura tra il suo mondo spensierato e in armonia con la natura e quello gretto e ipocrita della realtà contadina siciliana dei primi del Novecento. La commedia è stata scritta nel 1916 durante la prima guerra mondiale e Pirandello, in una lettera indirizzata al figlio Stefano prigioniero in un campo di concentramento, la descrive così: “L’ho scritta in 15 giorni, quest'estate è stata la mia villeggiatura. È così gioconda che non pare opera mia”. Il cast comprende Daniele Vocino (Liolà), Marco Violini (Zio Simone), Sara Piticchiani (Mita), Graziella Urbinelli (Zia Croce), Francesca Sciorra (Zia Gesa), Catia Urbinelli (Moscardina), Maddalena Bedetta (Ciuzza), Elena Valenti (Luzza), Ludovica Mancini (Tuzza), Giacomo Lombardi (figlio di Liolà), Camilla Violini (figlio di Liolà), Riccardo Pierpaoli (ragazzo di paese), Giorgio Sabbatini (ragazzo di paese).

Le repliche sono in programma venerdì 9 e sabato 10, sempre alle ore 21, e domenica 12 alle ore 17,30.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Coronavirus, screening di massa con tampone antigenico rapido nelle Marche

  • Emergenza Covid, Acquaroli preoccupato: «Rischiamo crisi economica impressionante»

Torna su
AnconaToday è in caricamento