"Senza dimora, tre anni di unità di strada", inaugura la mostra in omaggio a Riccardo Borini

In esposizione il reportage fotografico dell’attività dell’associazione falconarese RiBò a servizio di chi non ha una casa, in omaggio a Riccardo Borini

Aprirà domani, martedì 15 gennaio, nella Sala dell’ex Mercato coperto di via Bixio, la mostra fotografica ‘Senza Dimora. Tre anni di Unità di Strada’, che testimonia l’impegno dell’associazione, ora ribattezzata RiBò in omaggio a Riccardo Borini, uno dei cofondatori, scomparso il 3 dicembre scorso. La mostra è stata organizzata dall’associazione in collaborazione con il Comune di Falconara. Per tre anni i volontari, durante le uscite notturne, hanno portato sostegno materiale e calore umano alle persone senza fissa dimora che hanno scelto Falconara per trascorrere la notte e, grazie alla collaborazione con la giornalista Pia Bacchielli, che da luglio del 2017 ha partecipato a queste uscite, è nato il reportage fotografico oggetto della mostra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta di immagini «in bianco e nero – scrive l’autrice – a sottolineare l’atmosfera notturna, privilegiando l’effetto mosso per meglio rendere la condizione degli homeless, ombre fra gli anfratti della città». Pia Bacchielli ringrazia tutti i volontari e in particolare Riccardo Borini, «senza il quale questo lavoro non si sarebbe potuto concretizzare. Obiettivo del reportage, documentare l’attività dell’Unità di Strada e la situazione dei senza tetto in una piccola città di provincia». «Questa mostra – spiega Laura Luciani a nome dell’associazione RiBò – e stata pensata per testimoniare l’impegno di Riccardo Borini e di tutti i volontari dell’Uds, che hanno cercato e tuttora cercano di portare un aiuto concreto agli ‘invisibili’ della nostra città. Le foto sono una testimonianza della nostra esperienza sulla strada che emotivamente ci coinvolge e ci fa riflettere». «Proprio questa mattina – dice il sindaco Stefania Signorini, che mantiene la delega alla Cultura – mi sono confrontata con Pia Bacchielli, che mi ha raccontato come è nato e si è sviluppato nell’arco di un anno il suo impegno. Sono sicura che questa mostra esprimerà, oltre alla sensibilità dell’autrice, tutta l’attività di volontariato che ha reso così particolare l’esperienza della nostra Unità di Strada rispetto ad altre: sono i volontari, in questo caso, che vanno incontro ai senza dimora per intervenire in loro aiuto e per ascoltarne le esigenze». La mostra resterà aperta tutti i giorni fino al 22 gennaio dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19. Un appuntamento speciale è fissato per mercoledì 16 alle 18.30: sarà presente uno dei volontari che parlerà della sua esperienza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

  • Contagio in aula, allarme in una scuola dell'infanzia: scatta la quarantena per i bimbi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento