Festival sul giornalismo d’inchiesta: si parte con Pietro Grasso

Esperienze testimonianze di inviati e reporter di guerra, giornalisti minacciati dalla mafia e dalla camorra e protagonisti di vicende di cronaca nazionali. Si comincia sabato 29 settembre con il procuratore antimafia

Il Procuratore antimafia Pietro Grasso

Un palcoscenico per prestigiose firme del giornalismo nazionale. Un’occasione di confronto sui media di oggi e sull’informazione nell’era digitale e dei social network. Osimo ospiterà dal 29 settembre al 20 ottobre il primo Festival sul giornalismo d’inchiesta. Porteranno le loro esperienze e le loro testimonianze inviati e reporter di guerra, giornalisti minacciati dalla mafia e dalla camorra, oltre a personaggi che, per le tristi storie dei loro cari, sono diventati protagonisti delle pagine di cronaca nera.

Il Festival nasce per iniziativa dello Ju-ter Club di Osimo, in sinergia con il Circolo culturale +76. La direzione artistica è stata affidata a Gianni Rossetti, Direttore della Scuola di giornalismo di Urbino.
L’apertura è fissata per sabato 29 settembre, alle 21.15 al Teatro La Nuova Fenice: protagonista sarà il Procuratore antimafia Pietro Grasso, attualmente il personaggio giornalisticamente più interessante per il dibattito e le polemiche in corso sulla eventuale trattativa Stato-mafia su cui sta indagando la Procura di Palermo.

Al Festival di Osimo si parlerà del lavoro degli inviati di guerra con le testimonianze di inviati storici come Mimmo Candito (La Stampa), Presidente per l’Italia di “Reporter senza frontiere”. L’appuntamento è per venerdì 5 ottobre. La sera successiva (6 ottobre), altro personaggio conosciutissimo, Pino Scaccia del Tg1.

Grande spazio anche ai giovani e alle donne. Una serata sarà dedicata alla new generation con i neo professionisti della Scuola di giornalismo di Urbino. “Storie di croniste minacciate” sarà infatti il tema della serata del 4 ottobre con Marilena Natale (Premio nazionale Agenda Rossa Paolo Borsellino), Gerardo Adinolfi (La Repubblica) e Alberto Spampinato (Direttore dell’Osservatorio Ossigeno per l’informazione).
Altri protagonisti il Presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine, Enzo Iacopino, Andrea Vianello (Conduttore di Agorà su Rai3), Filippo Nanni (coautore di Ballarò).

Serata finale sabato 20 Ottobre al Teatro La Nuova Fenice, dedicata alla “ricerca della verità sugli scomparsi”, organizzata in collaborazione con l’Associazione nazionale Penelope Onlus. Tantissimi gli ospiti: Pietro Orlandi (fratello di Emanuela, scomparsa nel 1983, il “giallo” del Vaticano), Fabrizio Peronaci (Corriere della Sera), Giorgia Isidori (Presidente di Penelope e sorella di Sergio, scomparso nel 1979 da Villa Potenza), Pino Rinaldi (Rai - Chi l’ha visto?) e Maria Antonietta Gregori (sorella di Mirella, scomparsa nel maggio 1983 da Roma).
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Elezioni regionali, il nuovo presidente della Regione è Francesco Acquaroli - LA DIRETTA

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento