Eventi

Il Museo Omero spopola a Mosca: possibile esposizione alla Tret'jakov

Un folto e interessato gruppo di operatori museali russi ha seguito con interesse la presentazione del Museo Tattile Statale Omero al seminario che si è svolto lo scorso febbraio presso il Manezh di Mosca

Un folto e interessato gruppo di operatori museali russi ha seguito con interesse la presentazione del Museo Tattile Statale Omero e dei suoi servizi durante il seminario “Il Museo e il suo rapporto con il pubblico” che si è svolto lo scorso febbraio presso il Manezh di Mosca.

I temi legati all’accessibilità dei beni culturali, di cui il Museo Omero è un riconosciuto portavoce internazionale, sono stati al centro delle relazioni del Presidente Aldo Grassini e della coordinatrice Annalisa Trasatti e saranno consultabili nei prossimi Atti del Convegno.
L’invito nella capitale russa da parte dell’Istituto Italiano di Cultura di Mosca e dell’ICOM Russia è stato l’occasione per visitare importanti Musei della capitale.

 “Per noi è stata un’esperienza importante – dice Aldo Grassini – anche per il grande interesse dimostrato dai partecipanti al corso. Siamo stati invitati a visitare molti musei, in particolare la galleria Tret'jakov, che ospita la più grande collezione di belle arti russe al mondo e dal 1985 ha una ricca sezione di arte contemporanea, in parte accessibile ai non vedenti. In questa occasione si è manifestata la possibilità di avviare una collaborazione attraverso l’invio della nostra Sezione itinerante ‘Bello e accessibile’ da esporre negli spazi della galleria”.

Mosca è un altro passo che il Museo Omero compie verso l’esportazione del proprio modello di cultura accessibile nel mondo dopo le esperienze in Giappone, Polonia, Repubblica Ceca, Croazia, Francia, Inghilterra.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Museo Omero spopola a Mosca: possibile esposizione alla Tret'jakov

AnconaToday è in caricamento