Concerto di Capodanno, pioggia di applausi e coriandoli sugli orchestrali per salutare il 2019

Programma dedicato a Rossini e Bizet. Mezzanotte al top, il maestro Crescenzi protagonista di un divertente fuori programma. Prossime tappe a Senigallia e Fabriano

il botto finale del maestro Crescenzi

L’anno nuovo parte col botto. Di una porta sbattuta o dei coriandoli finali. E si saluta con il sorriso al teatro Pergolesi per il Concerto di Capodanno dell’Orchestra filarmonica delle Marche. Appuntamento tradizionale, nel quale ovviamente non mancano dal programma di sala i grandi valzer viennesi, dedicato quest’anno a Gioacchino Rossini e Georges Bizet. Del compositore pesarese, di cui si è appena salutato il 2018, anno del 150esimo anniversario della morte, l’Ouverture e l’aria “Nacqui all’affanno – Non più mesta accanto al fuoco” de La Cenerentola, per iniziare, e la Cavatina “Una voce poco fa” de Il barbiere di Siviglia. Dell’altro una suite dalla Carmen di Georges Bizet che mette in luce sia la potenza vocale della mezzosoprano Beatrice Mezzanotte (foto sotto), sia la meccanica perfetta, oliata e affiatata, di archi, legni, ottoni e percussioni diretti dal maestro David Crescenzi.

Che dirigendo con grande personalità, si diverte anche un mondo. Scherza con i suoi, con il pubblico quando una porta sbatte di là, chissà dove, proprio mentre si chiude un’aria e prima di affrontare la lunga cavalcata finale dei valzer di Strauss Jr. Si diverte anche la Mezzanotte che fa il pieno di applausi a ogni sua comparsa. E si divertono anche gli orchestrali inondati dai coriandoli rossi. Li ha sparati lo stesso direttore che al termine dell’immancabile Marcia di Radetzky si piega, raccoglie un tubo sparacoriandoli, e nello stupore generale tinge di colore una festa memorabile. Domani, sabato 5 gennaio alle 21, il Capodanno arriva alla Fenice di Senigallia. In programma meno Strauss e più Morricone con Gli intoccabili, Nuovo Cinema Paradiso, Marco Polo, La leggenda del pianista sull’oceano. Nel prosieguo la Form è attesa per i concerti di apertura della Stagione 2019. Appuntamento al Gentile di Fabriano (sabato 12 gennaio, ore 21) e di nuovo al Pergolesi di Jesi (lunedì 14 gennaio, ore 21) con due sinfonie di Schumann e Mendelssohn e la Form diretta dall’olandese Hubert Soudant.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

concerto capodanno 2019 (1)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

  • Party abusivo al porto, in consolle c'era pure il Dj: ora sono guai per il titolare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento