Il museo della carta riapre i battenti: massimo dieci persone e termoscanner per i visitatori

Si potranno ammirare le bellissime filigrane ma rimanendo in totale sicurezza. Chiusi i laboratori per cimentarsi nella creazione di fogli di carta

FABRIANO - «Tutto pronto per ripartire e tornare a rivivere la nostra cultura in sicurezza». Così l'Assessore alla cultura e turismo, Ilaria Venanzoni, annuncia la riapertura del Museo della Carta e della Filigrana martedì 2 giugno. «Dopo quasi tre mesi di chiusura con attività continuative nel settore online il Museo finalmente riapre le sue porte dando un importante segnale di ripartenza per il settore culturale della nostra Città. Abbiamo voluto che la riapertura coincidesse simbolicamente con la Festa della Repubblica a significare il primo giorno del lungo percorso verso la normalità per un museo che per la nostra Città rappresenta un vero polo di attrazione turistica oltre che traino per altre realtà museali che stiamo puntando a riaprire, per quanto possibile, in brevissimo tempo». 

Per la riapertura il museo seguirà le linee guida emanate dal Governo e dalla Regione Marche. Prima di accedere al museo, operatori e visitatori verranno sottoposti al controllo della temperatura dopo di che si potrà entrare esclusivamente indossando le mascherine e rispettando tutte le prescrizioni di prevenzione per l'emergenza Covid-19 che saranno segnalate mediante pannelli posti all'ingresso e segnalate anche attraverso il portale internet del museo e delle pagine social collegate. La ripartenza sarà graduale con orario dal martedì alla domenica, dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 15 alle 18. Saranno ammessi gruppi di massimo 10 persone che, previa prenotazione on-line o telefonica al numero 0732.22334. Saranno ammessi ogni trenta minuti: ingressi dalle 10 alle 12 al mattino e dalle 15 alle 17 nel pomeriggio, durata complessiva della visita massimo 60 minuti.

«I gruppi così formati – ha aggiunto l'Assessore Venanzoni - saranno accompagnati durante tutto il percorso dalle guide del museo che, oltre ad accogliere i visitatori e ad illustrare le varie sale vigileranno affinché venga rispettato il distanziamento sociale necessario. Non mancherà il mastro cartaio che, nella Gualchiera medievale, realizzerà la lavorazione tradizionale della carta a mano secondo l'antica tradizione cartaria fabrianese che ha reso la città così famosa nel mondo. Nella stessa gualchiera saranno posizionati a terra dei bollini segnaposto ad individuare il corretto posizionamento dei visitatori durante la visita. Le sale espositive al piano superiore saranno visitabili in sicurezza disponendo di spazi adeguati al distanziamento sociale e di porte di ingresso e di uscita separate che verranno utilizzate su indicazione delle guide accompagnatrici sulla base di un percorso che è stato studiato e testato nei giorni precedenti la riapertura».  Al momento però resta sospeso il laboratorio Siamo tutti Mastri Cartai dove si possno mettere le mani in pasta per realizzare un vero foglio di carta filigranata con l'assistenza di uno dei mastri cartai.

Per avere accesso al museo, ciascun visitatore dovrà confermare al momento dell'acquisto del biglietto quanto dichiarato durante la prenotazione on-line ovvero di non provenire da “aree rosse”, di non essere sottoposto a quarantena e di non essere stati in contatto nei 14 giorni precedenti la visita con persone Covid positive. Lo stesso biglietto di accesso al Museo della Carta e della Filigrana, consentirà l'accesso anche alle altre strutture museali che dovessero essere riaperte al pubblico nei prossimi giorni, anche in questo caso previa prenotazione e contingentamento dei visitatori. L'ingresso è gratuito per i fabrianesi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento